Seat PG, Gros-Pietro difende operato Cda su operazione WLW?

martedì 4 marzo 2014 18:21
 

MILANO, 4 marzo (Reuters) - Gian Maria Gros-Pietro difende l'operato del Cda di Seat Pagine Gialle nell'acquisizione e successiva cessione di "Wer Liefert Was?" e chiede che non sia proposta un'azione di responsabilità in relazione a questa operazione.

E' quanto si legge in una lettera del presidente del consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, ex consigliere di Seat, presentata in occasione dell'assemblea ordinaria del gruppo editoriale chiamata ad approvare un'azione di responsabilità verso 17 ex amministratori per una serie di operazioni che avrebbero contribuito al dissesto del gruppo.

"Mi auguro che le considerazioni che precedono inducano Seat a non proporre, su questa acquisizione e questa dismissione, un'azione di responsabilità, che sarebbe a mio avviso infondata e ingiustamente dannosa", si legge nella missiva.

Nella lettera Gros-Pietro spiega di ritenere che "gli amministratori abbiano agito con diligenza".

Secondo l'ex consigliere, l'acquisizione, avvenuta a settembre 2007, si inquadrava in una "strategia sostenibile" all'epoca per Seat. Il fatto poi che Luca Majocchi, all'epoca AD di Seat, fosse anche amministratore indipendente della controllante di WLW? era un "elemento aggiuntivo di conoscenza del target". Gros-Pietro continua spiegando sostanzialmente che la decisione successiva di cedere WLW?, venduta a dicembre 2008, derivava dalle nuove condizioni di mercato e risentì della situazione finanziaria a livello mondiale.

La proposta di azione di responsabilità contesta l'acquisizione per oltre 148 milioni di WLW? e la successiva cessione a 47,8 milioni. Per la società l'effetto a livello consolidato di tale operazione è stato pari a una perdita di 79,5 milioni di euro.

"La condotta tenuta nel caso in esame dagli amministratori non pare giustificabile alla luce dei principî di corretta gestione societaria ed imprenditoriale", si legge ancora nella relazione all'assemblea.

Gian Maria Gros-Pietro ha ricoperto la carica di amministratore di Seat dal 10 maggio 2004 al 9 aprile 2009.

Anche nel caso di approvazione dell'azione di responsabilità, l'8 aprile 2014 scatterebbe la prescrizione per Gros-Pietro.   Continua...