Seat PG, attuale Cda indipendente nonostante pressioni - De Vivo

martedì 4 marzo 2014 15:41
 

MILANO, 4 marzo (Reuters) - Il presidente di Seat Pagine Gialle Guido De Vivo, di fronte alle critiche sollevate da alcuni azionisti intervenuti in assemblea straordinaria, ha difeso l'operato dell'attuale Cda, spiegando che è sempre rimasto indipendente nonostante le molteplici pressioni.

"Se avessimo avuto un'idea seppur vaga che dopo tre mesi ci saremmo trovati in questa situazione non avremmo accettato la carica", ha detto De Vivo, sottolineando che il consiglio in carica ha sempre gestito la società "con spirito di servizio e non per tornaconti personali".

De Vivo e l'attuale Cda sono entrati in carica a fine ottobre 2012, dopo il riassetto azionario del gruppo. Qualche mese dopo è stata presentata la domanda di concordato preventivo.

"Questo è un consiglio indipendente che ha subito non irrilevanti pressioni da moltissime parti", ha spiegato De Vivo, sottolineando però di aver sempre agito "tenendo la barra dritta sulla base delle proprie convinzioni etiche".

"Siamo i primi a spezzare una lancia per parlare di responsabilità di chi ha portato la società in questa situazione", ha aggiunto il presidente facendo riferimento all'azione di responsabilità che sarà discussa nell'assemblea ordinaria che seguirà quella straordinaria.

De Vivo ha quindi detto di comprendere la frustrazione di molti piccoli azionisti che nel corso degli anni hanno subito ingenti perdite e che, dopo la ricapitalizzazione, si troveranno fortemente diluiti (gli attuali soci avranno infatti lo 0,25% del capitale post-aumento); ma l'alternativa sarebbe stata la liquidazione della società.

"Quella che stiamo portando avanti è un'operazione che vuole tenere in vita Seat. Se non fosse approvata, con ogni probabilità Seat Pagine Gialle Spa si troverebbe messa in liquidazione fallimentare", ha continuato il presidente.

De Vivo ha poi ricordato che gli attuali soci potranno godere anche dell'emissione di warrant, che potrebbero essere quotati.

  Continua...