Carige, aumento capitale a giugno, Fondazione ritira richiesta assemblea

mercoledì 26 febbraio 2014 20:42
 

MILANO, 26 febbraio (Reuters) - Il Cda di Carige ha ribadito l'impegno a esercitare la delega per l'aumento di capitale fino a 800 milioni entro il termine previsto di fine marzo ed eseguirà l'operazione a giugno.

Lo dice una nota dell'istituto spiegando che il board "ha assunto la prima metà del mese di giugno 2014 quale termine di inizio del periodo di offerta in sottoscrizione delle azioni" e che una tempistica di questo tipo "risulta in linea e coerente con gli impegni di pre-underwriting per la formazione del consorzio di garanzia, nonché con la necessità di provvedere a tutti gli applicabili adempimenti di legge".

In questo modo l'istituto ha di fatto accolto la richiesta della Fondazione di rinviare i tempi dell'esecuzione dell'operazione di ricapitalizzazione senza tuttavia convocare l'assemblea straordiaria.

Di conseguenza la Fondazione, principale azionista della banca con il 46%, comunica in una nota separata di aver revocato la precedente delibera di richiesta di convocazione di assemblea straordinaria.

La dilatazione dei tempi della ricapitalizzazione darebbe più tempo alla Fondazione che, non avendo le risorse necessarie per sottoscrivere per intero la propria quota, è alla ricerca di partner a cui vendere parte della suo pacchetto azionario, magari attravero i diritti di opzione sull'aumento, evitando un'eccessiva diluizione.

Qualche mese in più potrebbe inoltre servire per procedere alla vendita delle compagnie assicurative da parte della banca e ridurre l'ammontare residuo di risorse da raccogliere attraverso l'aumento di capitale, anche se lo stesso istituto la settimana scorsa ha detto di non vedere una conclusione delle cessioni in tempi brevi.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...