Ucraina, valuta a nuovo minimo storico su dollaro, soffrono bond

mercoledì 26 febbraio 2014 11:45
 

LONDRA, 26 febbraio (Reuters) - Proseguono le difficoltà del mercato ucraino, con un nuovo minimo storico del cambio contro dollaro e una nuova ondata di vendite sull'obbligazionario.

Il biglietto verde vale 10 hryvnia, mentre i bond denominati in dollari segnano un ulteriore deprezzamento a riflesso della crescente sensazione che la banca centrale abbia abbandonato la valuta al proprio destino alla luce della progressiva erosione delle riserve in valuta estera.

Si muovono viceversa al rialzo i contratti derivati 'credit defualt swap', a testimonianza di come continui ad aumentare il costo dell'assicurazione dal rischio default, visto che per Kiev sta diventando sempre più oneroso il servizio del debito in dollari.

Sul mercato cresce intanto l'aspettativa che il Fondo monetario internazionale ponga la libera fluttuazione del cambio come precondizione a qualsiasi forma di sostegno finanziario. Rispetto alla chiusura di ieri sera, la hryvnia cede circa 4% su dollaro.

Dall'inizio dell'anno a questa parte la divisa ucraina ha lasciato sul terreno il 19%, mostrandosi la peggiore delle valute emergenti.

"E' una misura deliberata da parte della banca centrale in modo da indebolire il cambio... una svalutazione è inevitabile" commenta Neil Shearing, responsabile per i mercati emergenti a Capital Economics.

"Si potrebbe vedere una brusca discesa verso 14/15 [contro dollaro] secondo la classica formula della crisi di un mercato emergente, è questo il vero rischio" aggiunge.

Secondo stime Goldman Sachs, le riserve in valuta estera di Kiev sarebbero calate a 12-14 miliardi di dollari rispetto ai 17,8 miliardi di fine gennaio, già minimo dal 2006.

Il 'credit default swaps' a 5 anni si muove intanto in rialzo di 76 punti base da ieri sera, indicato da dati Markit intorno a 1.063.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia