Seat, sindaci contrari ad azione responsabilità ex-amministratori

martedì 25 febbraio 2014 13:22
 

MILANO, 25 febbraio (Reuters) - Il collegio sindacale del gruppo Seat Pagine Gialle non condivide l'impostazione del cda, che ha chiesto all'assemblea di esprimersi su una possibile azione di responsabilità contro gli ex-amministratori.

I sindaci, in un documento disponibile sul sito della società preparato su richiesta della Consob, scrivono che i consulenti nominati dal consiglio hanno elaborato "un quadro parziale e incompleto degli eventi che hanno interessato il gruppo Seat nell'ultimo decennio".

Il cda ha nominato gli avvocati Fabio Franchini ed Ettore Maria Negro, che hanno lavorato con Paolo Agrifoglio per gli aspetti più puramente contabili, analizzando il periodo che va da agosto 2003 a ottobre 2012.

I consulenti hanno individuato nella distribuzione del dividendo straordinario da circa 3,6 miliardi di euro nel 2004 la causa prima che ha portato Seat a ricorrere al concordato preventivo nel 2013.

La decisione è "caratterizzata da manifesta imprudenza e comunque dannosa per la società", dice la relazione dei consulenti del cda, che indica anche operazioni di acquisizione e vendita che avrebbero danneggiato il gruppo.

Secondo i sindaci, la relazione formula addebiti a carico degli ex-amministratori, "che trovano fondamento in affermazioni, spesso non adeguatamente supportate".

"La limitatezza dell'analisi" non ha consentito al cda "di disporre del complessivo quadro informatrivo necessario per addivenire a un giudizio ponderato su temi così delicati".

Quindi "si ritiene di non condividere", la proposta di convocare l'assemblea per chiedere l'azione di responsabilità.

  Continua...