PUNTO 2-Risanamento,accordo con Milanosesto per area ex Falck,titolo sale

lunedì 24 febbraio 2014 16:14
 

(Aggiunge in coda nota Milanosesto)

MILANO, 24 febbraio (Reuters) - Risanamento ha raggiunto un accordo con Milanosesto per definire le controversie sul contratto di compravendita dell'area ex-Falck stipulato nell'ottobre 2010 e sui relativi costi di bonifica.

Cade così, come anticipato venerdì da una fonte, anche l'ipotesi di sequestro preventivo per oltre 200 milioni richiesto dall'acquirente e si semplifica la strada per la cessione del patrimonio parigino a Chelsfield/The Olayan Group, cui mancano ancora l'esito della due diligence e il parere legale di un notaio, entrambi attesi in questi giorni. Sempre, naturalmente, salvo nuovi colpi di scena dal fronte Barrack-Zunino, che il 17 febbraio ha presentato una nuova proposta d'acquisto sulla società che al momento lascerebbe comunque piuttosto fredde le banche creditrici che controllano Risanamento.

Positiva la reazione del titolo che intorno alle 16, in un mercato piatto, rimbalza del 2% a 0,2275 euro, con un picco di volumi subito dopo la pubblicazione della notizia, dopo il tonfo di venerdì.

Milanosesto, dice una nota, ha riconosciuto il prezzo della compravendita in 60 milioni di euro più Iva.

Per contro la controllata di Risanamento Immobiliare Cascina Rubina (Icr) ha incrementato il concorso ai costi bonifica sino a 80 milioni più Iva.

Di conseguenza la differenza, pari a 20 milioni di euro più Iva, verrà corrisposta da Icr in maniera dilazionata sino al 30 settembre 2018, senza interessi e con garanzia di Risanamento.

In una nota separata Milanosesto precisa che la somma riconosciuta da Risanamento è di 80 milioni (non 'sino a') e che l'ultima rata di pagamento dei 20 milioni scadrà a fine 2016, mentre al 2018 è previsto il termine ultimo per il rimborso dell'Iva.

  Continua...