BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in calo su immobiliare cinese

lunedì 24 febbraio 2014 08:44
 

INDICE                          ORE 8,30    VAR %   CHIUS. 2013
 MSCI ASIA-PAC.                      457,37   -0,49       468,16
 TOKYO                            14.837,66   -0,19    16.291,31
 HONG KONG                        22.362,67   -0,94    22.656,92
 SINGAPORE                         3.100,81   +0,02     3.167,43
 TAIWAN                            8.560,61   -0,48     8.611,51
 SEUL                              1.949,05   -0,48     2.011,34
 SHANGHAI COMP                     2.076,69   -1,75    2.115,978
 SYDNEY                            5.440,22   +0,03    5.352,214
 MUMBAI                           20.753,67   +0,26    21.170,68
    24 febbraio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico
sono in calo oggi, rinfocolando la domanda per il bene rifugio
yen, mentre la debolezza del settore immobiliare pesa sulla Cina
e gli investitori continuano a preoccuparsi per l'impatto della
stretta monetaria della Fed.
    Intorno alle 8,30 italiane l'indice Msci dell'area
Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, scende
dello 0,49%.
    SHANGHAI è in discesa ai minimi da due settimane, segnata
dalla notizia che le banche del continente hanno iniziato a
stringere sui crediti immobiliari. 
    HONG KONG è sulla scia della principale piazza continentale
per le medesime ragioni. China Resources Land e Shimao
Property hanno perso ognuna più del 7%. Prada
 perde lo 0,35%.
    SEUL ha chiuso in calo, ma le perdite sono state limitate
dall'appetito per il rischio di alcuni investitori. A soffrire
di più è stato il settore dei servizi. Naver Corp ha
perso il 3%, mentre la compagnia di videogame NCSoft 
ha esteso le perdite a -7.4%.
    SYDNEY è invece piatta in una seduta dove i guadagni del
settore bancario e minerario sono state compensate dalle vendite
su ex pesi massimi del dividendo come la più grande compagnia
telefonica del paese Telstra Corporation Ltd.
     
     
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia