Aeroporti, Ue deciderà entro settembre su 28 casi di aiuti di Stato

giovedì 20 febbraio 2014 15:35
 

BRUXELLES, 20 febbraio (Reuters) - Le autorità regolatorie dell'Unione Europea mirano a pronunciarsi entro settembre sull'ipotesi di aiuti di stato concessi a 28 aeroporti e a compagnie low cost, come Ryanair.

Lo ha annunciato la Commissione europea, presentando normative più severe per vietare che i maggiori aeroporti ricevano fondi pubblici.

Gli aeroporti sotto inchiesta sono distribuiti fra Germania, Francia, Austria, Italia, Svezia, Romania e Spagna, e in diversi casi è coinvolta Ryanair, ha spiegato un portavoce della Commissione.

Le nuove norme sostituiscono le linee guida del 1994 e del 2005, e specificano in quale misura le autorità Ue possono concedere aiuti agli oltre 460 aeroporti dell'area.

I critici dicono che l'industria aeronautica, che genera più di 140 miliardi di euro, riceve una media 3 miliardi di euro in sovvenzioni ogni anno perché gli enti locali cercano di promuovere gli scali regionali e attirare le compagnie aeree.

"Ci sono 28 casi pendenti", ha detto il commissario Ue alla Concorrenza, Joaquin Almunia, nel corso di una conferenza stampa. "I casi oggetto di indagine saranno decisi in base alle nuove linee guida".

L'esecutivo Ue oggi ha chiuso quattro casi, sentenziando che non si può parlare di aiuti di Stato. Si tratta degli incentivi finanziari concessi all'aeroporto Schoenefeld di Berlino, di un accordo di marketing tra l'aeroporto di Aarhus, in Danimarca, e Ryanair, e degli aiuti agli investimenti per l'aeroporto di Marseille Provence e per l'aeroporto ceco di Ostrava.

Secondo le nuove regole, agli aeroporti europei che servono più di 5 milioni di passeggeri l'anno sarà vietato ricevere aiuti di Stato, in futuro, a meno che non vi sia un chiaro fallimento del mercato.

Gli aiuti di Stato agli aeroporti con meno di 3 milioni di viaggiatori saranno cancellati gradualmente, nell'arco di un periodo di dieci anni. Questi scali dovranno presentare un business plan per beneficiare di aiuti al funzionamento in base alle nuove linee guida.   Continua...