BORSE ASIA-PACIFICO-Tokyo aiuta mercati,su Shanghai pesa banca centrale Cina

martedì 18 febbraio 2014 08:52
 

INDICE                        ORE  8,26    VAR %    CHIUS. 2013
 ASIA-PAC.                     459,06       -0,04    468,16
 TOKYO                         14.843,24    3,13     16.291,31
 HONG KONG                     22.526,26    -0,04    22.656,92
 SINGAPORE                     3.068,98     -0,01    3.167,43
 TAIWAN                        8.556,23     0,43     8.611,51
 SEUL                          1.946,91     0,03     2.011,34
 SHANGHAI COMP                 2.119,07     -0,77    2.115,98
 SYDNEY                        5.392,82     0,18     5.352,21
 MUMBAI                        20.660,87    0,96     21.170,68
 
    L'ottima performance della Borsa di Tokyo, che ha chiuso con un rialzo di
oltre il 3% dopo la decisione della Banca del Giappone di prolungare per un anno
alcune misure per incentivare le banche a concedere prestiti alle imprese,
sembra essere riuscita a impedire un ribasso generalizzato sui mercati azionari
asiatici, che oggi chiudono misti.
    A pesare in negativo sulla bilancia è stata la mossa della Banca centrale
cinese, che ha drenato fondi dal mercato monetario.
    In rialzo il dollaro, che ha guadagnato lo 0,7% sullo yen raggiungendo il
massimo di due settimane mentre la borsa di Tokyo festeggiava il rialzo.
    L'indice MSCI delle borse asiatiche al di fuori del Giappone 
segna oggi -0,04%, anche se nei giorni scorsi ha guadagnato quasi il 6% grazie
all'attenuarsi dei timori relativi all'andamento delle economie dei mercati
emergenti. 
    Le azioni della borsa di Shanghai (-0,77%) hanno registrato la peggiore
performance regionale, anche se a un certo punto della sessione avevano
raggiunto il livello massimo da due mesi, dopo la nuova decisione della PBOC, la
banca centrale di Pechino, di drenare fondi. Hong Kong (-0,04%) è invece
riuscita a recuperare le perdite. Il titolo di Prada oggi non ha
registrato variazioni.
    La borsa indiana ha guadagnato lo 0,96% dopo un'apertura negativa,
raggiungendo il livello più alto da quasi tre settimane. Ha inciso positivamente
anche l'annuncio del ministro delle Finanze un target di deficit di bilancio al
4,1% del Pil, il più basso dal 2007/2008.
    La borsa thailandese ha perso terreno (-0,91%) a causa delle nuove tensioni
politiche nel Paese e delle preoccupazioni sulla crescita economica, con
ripercussioni anche sulla moneta locale, il bath, che ha perso fino allo 0,5%.
     
    
Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia