Borsa Milano prosegue piatta, clima attendista, bene Luxottica e Mediaset

lunedì 17 febbraio 2014 12:18
 

MILANO, 17 febbraio (Reuters) - Clima attendista a Piazza Affari che si muove in lieve rialzo, ma senza grandi spunti. Il mercato da un lato sembra apprezzare l'ipotesi di un governo a guida Matteo Renzi, dall'altro teme i tempi lunghi sulla lista dei ministri. Venerdì sera a mercati chiusi Moody's ha migliorato l'outlook sul rating sovrano dell'Italia a stabile da negativo.

Spread fra Btp e Bund decennali in contrazione a 193 punti base. "Il mercato apprezza sicuramente l'ipotesi di un governo Renzi, e la prova è il calo dello spread, anche se le lungaggini per la composizione della compagine governativa possono creare qualche pressione sui mercati", osserva un trader. Secondo un altro, "prevale l'attesa di conoscere quale sarà la squadra di governo. In questa situazione nessuno vuole prendere posizione sul mercato".

Intorno alle 12,20, l'indice FTSE MIb è piatto, l'Allshare sale dello 0,08%. Il benchmark europeo l'indice FTSEurofirts300 guadagna lo 0,48%.

Volumi sono sotto quota 900 milioni.

Il calo dello spread avvantaggia i titoli bancari in spolvero oggi. Bene le popolari, le big INTESA SP e UNICREDIT in salita dello 0,85% e dello 0,20%. MEDIOBANCA guadagna l'1,8%.

La decisione dell'AD, Andrea Guerra, di restare alla guida del gruppo fa bene a LUXOTTICA che sale dell'1,54%. Venerdì aveva chiuso debole. In una nota il manager ha detto no alla richiesta di entrare nel costituendo nuovo governo. "La smentita delle recenti indiscrezioni è positiva per il titolo", commenta un operatore.

Forte MEDIASET che sale di poco sotto il 3%, Con un trader che cita le solite ipotesi speculative legate alla figura dei suo fondatore, Silvio Berlusconi. In realtà, oggi il denaro si sta riversando anche su altri titoli media, come CLASS EDITORI, sospeso al rialzo con un balzo di oltre l'11%. Bene anche ESPRESSO che sale del 7%.

Negli altri settori, un downgrade penalizza SAIPEM che cede lo 0,45% circa. Deutsche Bank ha tagliato il prezzo obiettivo a 17 euro da 19.

Piatta FIAT, sale di oltre l'1% TELECOM   Continua...