Mps, Fondazione su due binari, piccole vendite e grandi investitori- fonte

martedì 14 gennaio 2014 19:02
 

ROMA, 14 gennaio (Reuters) - Il 2014 della Fondazione Mps è iniziato con la cessione di piccoli pacchetti di azioni Mps e una ripresa dei contatti, diretti e tramite l'advisor Lazard, per trovare gli investitori italiani ed esteri, fondi e fondazioni a cui vendere la gran parte del 33,5% con cui oggi comanda nell'assemblea dei soci della terza banca italiana.

Una fonte importante che sta seguendo da vicino il dossier di Siena chiarisce che Palazzo Sansedoni, dopo aver ottenuto il posticipo dell'aumento oltre il 12 maggio, "lavora alacremente per non arrivare senza una soluzione troppo a ridosso dell'aumento che sarà tra maggio e giugno".

Obiettivo, ribadito dalla fonte, è la cessione "di quasi tutta la quota in modo che la Fondazione resti con un pacchetto di Mps poco più che simbolico", e ripaghi così tutti i 339 milioni di debiti con le banche creditrici e ristrutturi il patrimonio.

Ora c'è più tempo per farlo, ma non un tempo indefinito. E' chiaro quindi che proprio questi primi mesi appaiono decisivi per la riuscita dell'operazione.

"Non verrà lasciata intentata nessuna strada", dice la fonte spiegando che la soluzione a cui alla fine si dovrebbe arrivare è un pool di investitori istituzionali italiani e stranieri interessati a una operazione strategica, che, nelle intenzioni della Fondazione, valorizzi anche la governance.

"Il prezzo di mercato è solo una delle componenti. Chi compra da Fondazione sa che sta facendo una operazione strategica", dice la fonte.

Ma chi compra? Per ora nessuno, tranne qualche azione sul mercato venduta in questi ultimi giorni "ma con percentuali tali da non richiedere comunicazioni", dice una seconda fonte vicina al dossier, e soprattutto attente a non compromettere il buon andamento al rialzo del titolo Mps di questi ultimi giorni.

Oggi Mps, spinto dalle attese di una riconferma del vertice della banca, è salito di oltre il 2,5% a 0,1861.

"Non ci sono in questa fase trattative puntuali, ma si stanno riavviando i contatti attivati nell'ultima fase del 2013", dice la fonte.   Continua...