PUNTO 2-Bankitalia, Senato riduce tetto quote a 3 da 5%

giovedì 9 gennaio 2014 13:22
 

(specifica requisito italianità al quarto paragrafo)

ROMA, 9 gennaio (Reuters) - Banche, compagnie di assicurazione e fondi pensione non potranno possedere, direttamente o indirettamente, quote superiori al 3% del capitale di Bankitalia.

Confermando l'orientamento delle commissioni Bilancio e Finanze, l'aula del Senato ha ridotto il tetto al possesso dei titoli partecipativi, indicato al 5% nel testo del decreto legge che il Consiglio dei ministri ha approvato il 27 novembre.

Le quote possono appartenere "solamente" a "banche aventi sede legale e amministrazione centrale in Italia; imprese di assicurazione e riassicurazione aventi sede legale e amministrazione centrale in Italia; enti ed istituti di previdenza ed assicurazione aventi sede legale in Italia e fondi pensione".

Nel caso in cui i cosiddetti 'quotisti' dovessero perdere il requisito dell'italianità, "si dovrà procedere alla vendita delle quote".

Con il decreto, il governo ha autorizzato la Banca d'Italia a rivalutare le quote da 156.000 a 7,5 miliardi di euro.

Il 23 dicembre l'assemblea di Via Nazionale ha adeguato il proprio statuto alla nuova governance.

CONSIGLIO SUPERIORE MANTIENE POTERE DI VETO SU AZIONISTI   Continua...