Fondazione Mps, anche neo dg si augura che Profumo e Viola restino

giovedì 9 gennaio 2014 11:48
 

SIENA, 9 gennaio (Reuters) - Dopo gli auspici della presidente Antonella Mansi, anche il nuovo direttore generale della Fondazione Mps, ha detto di confidare che i vertici della banca Mps non si dimettano.

"Noi confidiamo che i vertici della banca rimangano al loro posto, se ci sarà una condizione diversa si affronterà", ha detto Enrico Granata nel primo incontro con i giornalisti a Siena nel suo nuovo ruolo.

Fondazione Mps ha il 33,5% della banca senese e come primo azionista ha fatto valere in assemblea del 28 dicembre la sua decisione di far slittare a dopo il primo trimestre l'aumento di capitale da 3 miliardi che il management avrebbe voluto lanciare a gennaio. Il presidente di Mps Alessandro Profumo e l'AD Fabrizio Viola hanno detto subito dopo l'assemblea che avrebbero fatto sapere quanto prima se intendono restare o no.

Nel frattempo Fondazione, che ha un debito di 390 milioni di euro con le banche creditrici, deve trovare compratori per le sue azioni Mps per ripagare il debito e ristrutturare il patrimonio.

A proposito del legame fra banca e fondazione, Granata ha detto che "è importante che la fondazione rimanga azionista della banca, ma deve diversificare il proprio patrimonio; questa è una esigenza ineludibile per evitare una situazione di concentrazione eccessiva su una partita", ha spiegato Granata, chiarendo che l'obiettivo per la Fondazione è ritrovare il modo per rendere redditizio il patrimonio.

Oggi si riunisce la Deputazione amministrativa della Fondazione.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia