BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in parziale ripresa, Tokyo +1,94%

mercoledì 8 gennaio 2014 09:08
 

INDICE                          ORE 8,45    VAR %   CHIUS.2013 
 MSCI ASIA-PAC.        458,25   0,48      
468,16
 TOKYO                   16.121,45   1,94    16.291,31
 HONG KONG                22.997,15   1,24    22.656,92
 SINGAPORE                  3.144,88   0,77    
3.167,43
 TAIWAN                      8.556,01   0,51    
8.611,51
 SEUL                        1.958,96  -0,02    
2.011,34
 SHANGHAI COMP               2.044,34  -0,15    
2.115,98
 SYDNEY                      5.316,05  -0,02    
5.352,21
 MUMBAI                    20.740,52   0,22   
21.170,68

    8 gennaio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico
beneficiano delle performance dei mercati Usa ed europei,
incoraggiate dal buon dato della bilancia commerciale Usa e
dall'allentamento della pressione sui debiti sovrani europei.
    A Tokyo il Nikkei si è risollevato a +1,9%, ma altri
mercati dell'area stagnano, risentendo dell'afflusso di capitali
verso le piazze occidentali.
    Il dollaro è risalito sullo yen dopo che il deficit
commerciale Usa è sceso ai minimi da quattro anni.
    Intorno alle 8,45 italiane l'indice Msci dell'area
Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, sale
dello 0,48%.
    TOKYO si è ripresa dopo le buone indicazioni macro dagli
Usa. I trader hanno osservato in particolare acquisti dai fondi
pensione stranieri su titoli finanziari come Nomura Holdings
 e Mizuho Financial Group, rispettivamente in
rialzo del 4,6% e del 3,5%. Nomura è stato il titolo più
trattato nel paniere principale e Mizuho il quarto.
    HONG KONG è ancora oggi in territorio positivo, grazie
soprattutto ai retailer di footwear concentrati sul mercato
cinese, mentre SHANGHAI rimane fiacca vicino ai minimi da cinque
mesi. Nel maggior mercato della Cina continentale la debolezza
dei titoli legati al carbone sopravanza la ripresa degli
assicurativi e delle small-caps, nonostante i segnali di
sostegno del governo. Gli investitori si stanno preparando
all'ondata di matricole A-share in una fase di stretta
monetaria. Prada ha chiuso in rialzo del 2,55%.
   SEUL ha chiuso piatta, in una seduta che ha visto
controbilanciare l'appetito degli investitori stranieri per
l'azionario sudcoreano e le vendite per presa di profitto delle
istituzioni locali.
   Anche SYDNEY ha chiuso poco mossa, in una giornata dove i
guadagni dei titoli difensivi hanno compensato la debolezza dei
minerari, ancora oggi influenzati dalle preoccupazioni per la
crescita della Cina, il principale mercato per l'export
australiano.
    
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia