Borsa Usa rimbalza dopo recenti cali grazie a dati macro

martedì 7 gennaio 2014 17:10
 

NEW YORK, 7 gennaio (Reuters) - Seduta positiva per la borsa Usa, che rimbalza dopo tre giorni di perdite dell'indice S&P 500, sostenuta dal calo del deficit commerciale americano e da dati positivi provenienti dalla Germania.

L'ultimo segnale di rafforzamento dei fondamentali economici degli Stati Uniti è arrivato con il dato sulla bilancia commerciale, che per il mese di novembre ha evidenziato il disavanzo più contenuto degli ultimi quattro anni sulla scia di un record delle esportazioni e una crescita delle importazioni limitata dalla debolezza delle quotazioni petrolifere.

Sul fronte europeo, dalla Germania è giunto un inatteso calo della disoccupazione di dicembre su base destagionalizzata, alimentando le attese che i consumi interni possano spingere la crescita nella maggiore economia europea.

"Nei primi giorni dell'anno ci sono state prese di beneficio senza notizie. Oggi abbiamo avuto di nuovo delle buone notizie quindi questa spinta rialzista in atto dovrebbe continuare a trainare il mercato", commenta Uri Landesman del fondo hedge Platinum Partners.

Intorno alle 17 italiane il Dow Jones guadagna lo 0,7%, l'S&P 500 lo 0,6% e il Nasdaq Composite lo 0,9%.

Sul fronte obbligazionario i prezzi dei Treasuries si mantengono stabili, con i rendimenti dei benchmark vicini ai minimi di due settimane in attesa dell'asta di titoli a tre anni per 30 miliardi di dollari, una porzione dell'offerta di questa settimana di debito governativo per un totale di 64 miliardi. Il decennale sale di 2/32 e rende il 2,954%, il titolo a trent'anni è piatto con un rendimento del 3,896%.

L'attività economica potrebbe risentire del "vortice polare" che ha colpito gran parte degli Stati Uniti.

Tra i singoli titoli Netflix cede oltre il 4% dopo che Morgan Stanley ha tagliato il rating a "underweight".

Vola con un +77% Neurocrine Biosciences all'indomani dell'annuncio che il farmaco del gruppo per i disturbi del movimento ha mostrato una riduzione dei sintomi rispetto a un placebo utilizzato in uno studio clinico.   Continua...