Eni piatta in Borsa, mercato si aspetta buyback con tempi lunghi

martedì 7 gennaio 2014 16:10
 

MILANO, 7 gennaio (Reuters) - Eni viaggia poco sotto la parità con volumi ben sotto la media al secondo giorno di buyback, segno evidente che il mercato non si aspetta un ricorso pesante da parte della major petrolifera al programma di riacquisto di azioni proprie. Nelle intenzioni del Tesoro, invece, il piano è propedeutico alla cessione di una quota non inferiore al 3% nell'ambito del piano di privatizzazioni annunciato dal governo Letta.

Intorno alle 16,00 il titolo cede lo 0,11% a 17,56 euro con circa 5,5 milioni di pezzi scambiati, ben sotto la media giornaliera di circa 11 milioni.

"Nessuno sul mercato ipotizza l'avvio di un buyback pesante e rapido, altrimenti il titolo sarebbe già schizzato", osserva un analista di una banca d'affari italiana. Che aggiunge: "Eni porterà avanti il programma con calma, senza essere influenzata dai desiderata del Tesoro".

Eni comunicherà su base settimanale la percentuale di titoli in suo possesso a seguito dell'esecuzione del piano e, come ha ribadito lo stesso Ad Paolo Scaroni, un piano da 6 miliardi di euro fino al 10% del capitale non si fa in pochi mesi, ci vorranno tempi lunghi. Una posizione che non va nella stessa direzione auspicata dal governo Letta. Secondo due fonti vicine al dossier la vendita di azioni Eni prevede prima che la società acquisti azioni proprie per un 10%, successivamente Eni dovrebbe annullare le azioni acquistate in modo da far crescere relativamente il peso delle quote in mano a Tesoro e Cdp e consentire allo Stato di vendere una quota del 3% restando sopra al 30%.

"Non è immaginabile che Eni realizzi un piano di riacquisto di azioni da 6 miliardi in un anno, ritengo più probabile un ammontare fino a 1 o 1,5 miliardi", sottolinea un altro analista.

L'ipotesi più probabile, dicono gli analisti, è che il Tesoro dismetta anche in più tranche la propria quota, attualmente al 4,34%, indipendentemente dall'andamento del buyback, "andando sotto il 30% per un po' di tempo per poi risalire nel capitale mano a mano che il piano di riacquisto delle azioni andrà avanti".

Nel caso in cui il Tesoro dovesse cedere tutta la partecipazione, resterebbe comunque quella che fa capo a Cdp, pari al 25,76% del capitale.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Eni piatta in Borsa, mercato si aspetta buyback con tempi lunghi | Notizie | Società Estere | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    19,567.95
    +1.24%
  • FTSE Italia All-Share Index
    21,369.27
    +1.12%
  • Euronext 100
    929.88
    -0.03%