Moda Italia, Smi stima crescita 2,1% in primo semestre

martedì 7 gennaio 2014 15:04
 

FIRENZE, 7 gennaio (Reuters) - La filiera italiana del Tessile-Moda nel primo semestre del 2014 dovrebbe sperimentare un'inversione di tendenza, tornando in area positiva, secondo le stime elaborate da Sistema Moda Italia per Pitti Immagine Uomo che inizia oggi a Firenze.

In particolare, il giro d'affari settoriale è stimato in aumento del 2,1% rispetto ai primi sei mesi del 2013.

"Per la moda uomo, tuttavia, sulla base delle rilevazioni campionarie condotte da Smi, il 2014 sembra aprirsi con qualche ombra, legata ancora all'ultimo scorcio del 2013", si legge in una nota. "Se si considerano gli ordini per la prossima P/E 2014, pur parziali al momento della raccolta dati ultimata lo scorso ottobre, oltre alla conferma del cedimento sul mercato nazionale (prossima al -6%), risultano in flessione anche gli ordinativi dall'estero, nella misura del -2,6%".

Anche il 2014 si caratterizzerà per una spinta proveniente soprattutto dalle aree extra UE, "cui gli operatori del settore dovranno guardare con sempre maggiore determinazione, nell'attesa che riparta qualche segnale favorevole dal mercato nazionale", sottolinea ancora il comunicato.

Secondo le stime elaborate da Smi, la moda maschile italiana dovrebbe aver archiviato il 2013 in area positiva, ma su livelli di turnover di poco superiori a quelli raggiunti nel 2012. Il fatturato dovrebbe infatti vedere una crescita contenuta all'1% a poco più di 8,6 miliardi, con una decelerazione rispetto al ritmo del 2012.

Sul risultato settoriale ha inciso negativamente ancora una volta l'arretramento della domanda interna, mentre l'export - in crescita specialmente nelle aree extra-UE (pur su ritmi inferiori al 2012 almeno per gran parte del 2013) - ha contribuito positivamente alle performance della moda maschile.

  Continua...