PUNTO 1-Telefonica smentisce preparazione offerta congiunta per Tim Brasil

lunedì 6 gennaio 2014 10:04
 

(Aggiunge dettagli, background, andamento titolo)

MADRID/MILANO, 6 gennaio (Reuters) - Telefonica comunica in una nota di non far parte di un veicolo per il potenziale lancio di un'offerta congiunta su Tim Brasil , controllata di Telecom Italia, e di non avere dettagli su un'operazione di questo tipo.

La scorsa settimana indiscrezioni sulla stampa italiana parlavano dell'ipotesi che il gruppo spagnolo costituisse un veicolo con le rivali America Movil e Oi per rilevare Tim Brasil e procedere a uno spezzatino.

A Piazza Affari, alle 9,50 circa Telecom Italia cede l'1,4% circa a 0,747 euro ed è tra i peggior titoli dell'indice FTSE Mib in rialzo dello 0,4%.

Venerdì scorso, spinto dalle ipotesi stampa di cessione di Tim Brasil, Telecom aveva registrato un balzo del 6,9% nonostante avesse ribadito in una nota la strategicità della controllata brasiliana e dichiarato di non essere a conoscenza di alcuna offerta.

"Telefonica intende chiarire di non far parte di un tale veicolo e di non avere dettagli di alcun genere su una potenziale operazione di questo tipo da comunicare al pubblico", dice l'operatore spagnolo in un comunicato diffuso questa mattina prima dell'apertura della borsa in seguito alla richiesta dei giorni scorsi della Consob.

La società, che ribadisce la propria politica di non commentare rumors e indiscrezioni di stampa, specifica inoltre di non avere avuto alcun "contatto specifico" con l'antitrust brasiliano Cade su questo argomento.

I recenti contatti con l'Autorità, sottolinea Telefonica, hanno avuto come oggetto le ultime decisioni dell'Autorità sul tema della partecipazione in Telecom Italia e in generale su aspetti del mercato delle tlc brasiliano ed internazionale contro le quali l'operatore sta analizzando la possibilità di intraprendere azioni legali.

Come ricorda la nota, lo scorso 4 dicembre Cade ha deciso di regolare la cessione da parte di Portugal Telecom della sua quota in Vivo a Telefonica stabilendo che l'operazione può essere autorizzata se quest'ultima non detiene alcuna partecipazione in Tim Brasil altrimenti dovrà far entrare un nuovo partner nell'operatore mobile brasiliano.   Continua...