Borsa Milano chiude in rialzo e meglio di Europa con banche, balzo 7% Telecom

venerdì 3 gennaio 2014 17:52
 

MILANO, 3 gennaio (Reuters) - Piazza Affari chiude in rialzo e meglio del resto d'Europa grazie alla spinta delle banche sulla scia della buona intonazione dei titoli di stato e della discesa dello spread Btp/Bund sotto la soglia dei 200 punti per la prima volta da luglio 2011.

Protagonista della seduta è stata TELECOM ITALIA che ha chiuso a +6,92% sulla scia delle indiscrezioni riguardanti un'offerta in rampa di lancio da parte di Telefonica per Tim Brasil con successivo spezzatino, operazione che scioglierebbe l'impasse con le autorità brasiliane.

Telecom ha in realtà ribadito in una nota la strategicità di Tim Brasil e ha dichiarato di non essere a conoscenza di alcuna offerta.

FTSE Mib e Allshare hanno chiuso entrambi a +0,97%. Londra, Francoforte e Parigi tra +0,2% e +0,5%. Volumi per 2,08 miliardi di euro.

* Qualche realizzo su FIAT prendendo a pretesto i dati sulle vendite di Chrysler negli Usa a dicembre, inferiori alle attese.. Ieri il titolo aveva chiuso a +16% dopo l'accordo siglato con Veba per salire al 100% della casa auto Usa.

* Il calo dello spread Btp/Bund aiuta le banche e in particolare le popolari con rialzi tra il 2,5% e il 3% per POPOLARE MILANO e BANCO POPOLARE e di circa il 2% per UBI.

* PREMAFIN si congeda dal listino con un -3,89%, mentre MILANO ASS. segna +0,55%. FONSAI nell'ultima seduta prima della fusione che la trasformerà in UNIPOLSAI guadagna lo 0,74%.

* Spunti in denaro in ordine sparso nel resto del listino. Rinnovano la buona intonazione dell'ultima parte del 2013 AUTOGRILL e WORLD DUTY FREE, quest'ultima con nuovi massimi intraday a 9,695 euro. Bene anche YOOX, anch'essa su nuovi massimi a 34,75 euro.

* Non mancano gli acquisti su alcuni titoli di minor cabotaggio e in qualche caso, secondo i trader, si scommette al buio su operazioni straordinarie. FINNAT ha smentito in una nota che vi siano al momento operazioni straordinarie ma ha chiuso comunque a +7,5%. Rialzo a doppia cifra per PROFILO (+21,52%) e per la holding della famiglia Monti-Riffeser MONRIF (+21,77%). Bene anche la controllata POLIGRAFICI EDITORIALE (+8,51%).   Continua...