Borsa Usa sale e rinnova massimi storici sostenuta da balzo Apple

lunedì 23 dicembre 2013 16:54
 

NEW YORK, 23 dicembre (Reuters) - Borsa Usa in rialzo a inizio seduta, spinta su nuovi massimi storici dal balzo di Apple dopo l'accordo di distribuzione stretto con China Mobile.

Gli scambi dovrebbero comunque rimanere contenuti per tutta la settimana, con molti investitori già in vacanza in vista della chiusura anticipata del mercato domani e della giornata festiva del 25 dicembre. Questo potrebbe aumentare la volatilità di titoli e indici.

Apple sale del 3% circa a 567 dollari dopo aver annunciato ieri l'atteso accordo con China Mobile per vendere gli iPhones ai clienti del maggiore operatore al mondo di telefonia mobile.

"E' una buona notizia, si tratta di un accordo ancor più strategico di quanto si prevedesse", dice Oliver Pursche, presidente Gary Goldberg Financial Services. "Apple è incredibilmente sottovalutata a questo punto e l'accordo potrebbe aiutarla a superare i 600 dollari a inizio 2014".

Intorno alle 16,30 il Dow Jones sale dello 0,37%, lo Standard & Poor's 500 dello 0,42%, il Nasdaq dello 0,73%. Sia il Dow che lo S&P hanno rinnovato i massimi di sempre dopo i consistenti guadagni archiviati la scorsa settimana sulla scia di buoni dati macro e della decisione della Fed di dare il via al piano di riduzione degli stimoli economici, fattore che ha rimosso una delle maggiori fonti di incertezza per gli investitori. La banca centrale ha peraltro detto che i tassi di riferimento resteranno bassi più di quanto inizialmente promesso.

Da inizio anno l'indice S&P è salito del 28%, sostenuto principalmente dagli stimoli della Fed, ed è ben posizionato per registrare il miglior risultato annuale dal 1997.

Gli occhi sono ora puntati sulle vendite della stagione natalizia. Indiscrezioni stampa parlano ad esempio di dati negativi sull'ultimo week-end del gruppo retail Target, che in borsa reagisce con un calo dell'1%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia