Telecom Italia, 50,6% del capitale ad assemblea revoca cda, ma dato da aggiornare

venerdì 20 dicembre 2013 11:15
 

ROZZANO (Milano), 20 dicembre (Reuters) - L'assemblea Telecom Italia per la revoca del consiglio di amministrazione nominato in maggioranza da Telco, si apre alla presenza del 50,57% del capitale, ma il dato sarà probabilmente aggiornato, per tenere conto dei fondi registrati all'ultimo momento.

Il dato sulle presenze in apertura dei lavori e' stato fornito da Aldo Minucci, che presiede l'assemblea.

Tra i proxy adviser, i principali Glass Lewis e ISS hanno raccomandato il voto a favore della revoca; Ecgs, che dovrebbe portare con sè un 3% circa del capitale, suggerisce di votare contro.

Telco, che controlla il 22,4% di Telecom Italia, intende votare contro la revoca. La holding è partecipata, in termini di diritti di voto, da Telefonica con il 46,18%, da Intesa Sanpaolo e Mediobanca con l'11,62% ciascuna e da Generali con il 30,58%.

Secondo dati Telecom, a fine giugno di quest'anno, il 46,99% del capitale è in mano a istituzionali esteri, il 4,8% a istituzionali italiani e il 19,42% ad altri azionisti italiani.

L'assemblea é stata richiesta da Marco Fossati, azionista con il 5% del capitale e ha come obiettivo estromettere Telco dal controllo. Fossati lamenta un conflitto di interessi di Telefonica, che sarebbe un ostacolo allo sviluppo.

BlackRock, primo investitore istituzionale del gruppo, si è registrato in assemblea con il 5,94%.

I quattro quinti del cda Telecom Italia sono nominati dalla lista di maggioranza, che finora è stata quella di Telco e i consiglieri di minoranza sono stati indicati da Assogestioni, associazione dei fondi italiani.

Dall'attuale consiglio si sono dimessi di recente, a causa dei problemi antitrust in Brasile, i rappresentanti di Telefonica, Cesar Alierta e Julio Linares.   Continua...