F.Cariplo non guarda a investimenti in altre banche oltre Intesa-Guzzetti

venerdì 17 aprile 2015 15:32
 

MILANO, 17 aprile (Reuters) - Fondazione Cariplo non ha spazio per un investimento in una seconda banca oltre a quello storico in Intesa Sanpaolo, di cui è azionista con il 4,84%.

Lo ha detto il presidente Giuseppe Guzzetti a margine di un evento a Milano, interpellato in merito a un possibile interesse per il futuro risiko delle popolari.

"No", ha risposto a chi gli chiedeva se, in un'ottica di diversificazione, ci fosse spazio per un investimento in una seconda banca. "In questo momento sul tavolo del consiglio e della Ccb della fondazione non ci sono fascicoli per investire in altre banche", ha aggiunto.

"Abbiamo l'investimento in Intesa Sanpaolo, siamo sotto il 33% del patrimonio, abbiamo sempre seguito la linea di non comprare altre azioni della banca conferitaria e così oggi non dobbiamo diluirci", ha spiegato Guzzetti con riferimento al protocollo Acri-Mef che sarà firmato la prossima settimana a Roma, che impone alle fondazioni di non avere più del 33% degli attivi su un'unica banca.

In merito alla condotta di investimento che seguiranno altre fondazioni in vista del risiko delle popolari, Guzzetti ha fatto notare che "bisogna tener conto della diversificazione e dei rendimenti e ogni fondazione, se tiene fermi questi principi, deciderà gli investimenti più opportuni".

"Abbiamo patrimoni che vanno salvaguardati e non compromessi e che devono rendere. Tenuto conto di questo ognuno può investire dove vuole", ha aggiunto.

Nei giorni scorsi Fondazione Cariverona ha dichiarato la propria disponibilità e interesse per accompagnare le banche del proprio territorio nel processo di trasformazione in SpA e nel conseguente risiko. Il riferimento è in particolare a Banco Popolare e Popolare Vicenza.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia