Mps, nessun silenzio su strutturati, da luglio cooperazione con Bafin - Consob

giovedì 16 gennaio 2014 18:46
 

MILANO, 16 gennaio (Reuters) - Non c'è stato da parte di Consob alcun silenzio nella vicenda degli strutturati presenti nel portafoglio di Monte dei Paschi e fin dallo scorso luglio la Commissione ha attivato sui rapporti tra la banca senese e Deutsche Bank per il contratto Santorini la cooperazione internazionale con la Bafin, l'authority tedesca.

Così la Commissione commenta alcune ricostruzioni apparse oggi sulla stampa in merito al contratto derivato Santorini, stipulato da Monte dei Paschi con Deutsche Bank e oggetto di indagine anche da parte delle autorità giudiziarie italiane.

"Sugli strutturati nel portafoglio di Mps è stata fatta da tempo trasparenza. Non c'è stato da parte di Consob alcun silenzio. Il mercato, su indicazione dell'autorità di vigilanza, ha avuto da Mps le informazioni sui possibili impatti derivanti dalle operazioni Alexandra e Santorini", commenta Consob.

"L'opacità dei rapporti tra Mps e Deutsche Bank - aggiunge Commissione - è stata da tempo rilevata da Consob, che fin dal luglio 2013 ha attivato la cooperazione internazionale, tra l'altro, con la Bafin. Ad oggi il caso è tuttora all'attenzione dell'autorità tedesca".

Il 19 dicembre Mps ha raggiunto un accordo transattivo con Deutsche Bank sulla chiusura anticipata di Santorini che comporterà un impatto negativo 'one off' di 194 milioni al netto delle imposte sul conto economico del 2013.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia