October 7, 2016 / 5:17 PM / 9 months ago

Bpm, verso affluenza record in assemblea fusione Banco, nodo pensionati -fonti

5 IN. DI LETTURA

di Andrea Mandalà

MILANO, 7 ottobre (Reuters) - Si profila un afflusso record nell'assemblea del prossimo 15 ottobre dei soci Bpm chiamati ad esprimersi sulla fusione con il Banco Popolare .

Secondo fonti sindacali e vicine all'azionariato, a oggi i biglietti staccati per partecipare all'assemblea sono oltre 9.000, cifra destinata a salire visto che c'è tempo fino al 12 ottobre compreso per iscriversi.

Bpm, secondo i dati dell'ultima assemblea di fine aprile, conta circa 47.000 soci aventi diritto al voto ma solo una piccola parte solitamente partecipa alle assemblee.

L'effettiva presenza degli soci che si iscrivono a partecipare è storicamente molto variabile in relazione all'argomento posto al voto con una punta, nelle ultime dieci assemblee, raggiunta nell'assise dell'ottobre 2011 (quella che ha visto la battaglia tra Matteo Arpe e Andrea Bonomi nella conquista del controllo delle governance) con circa 8.000 votanti in proprio e per delega.

Considerata la posta in gioco nell'assemblea di sabato, è atteso un forte afflusso di soci. "Si prevede una partecipazione molto alta, potrebbe essere un record assoluto", osserva una fonte.

"In generale, degli iscritti la percentuale che effettivamente va in assemblea è circa il 50-60%. Questa volta potrebbe essere più alta ma è difficile fare previsioni. Le stime anche sull'esito del voto non sono semplici", sostiene una seconda fonte.

E' necessaria la maggioranza di due terzi per approvare la fusione e la concomitante trasformazione in Spa. Si voterà con il meccanismo di voto capitario, ovvero 'una testa un voto' tipico delle banche popolari e che sarà superato con l'abbandono della governance cooperativa prevista nella legge di riforma.

Mentre sembra quasi scontato il risultato del voto nell'assemblea di Banco Popolare che si terrà in contemporanea a Verona, più incerto è l'esito del voto all'assemblea di Bpm convocata alla fiera di Rho-Fiera. In caso di bocciatura dell'unico punto all'ordine del giorno, che mette insieme fusione e trasformazione in spa, la banca dovrebbe convocare nuovamente un'assemblea per la spa, passaggio obbligatorio per legge entro fine anno.

Storicamente le assemblee di Piazza Meda hanno espresso la 'vivacità' delle diverse anime dell'azionariato molto presenti e attive nella vita sociale della banca, che vede una forte presenza sindacale tra i soci dipendenti ma anche un ruolo, spesso determinante, dei soci pensionati, nonché dei soci non dipendenti.

Inoltre una variabile in gioco, che può cambiare l'esito finale del voto, è rappresentato dal sistema di deleghe: un ex dipendente o un socio esterno può avere fino a dieci deleghe mentre per i dipendenti l'unica delega possibile è per il figlio minore.

Sarà dunque determinante la partecipazione delle diverse anime sociali della banca e in particolare quella dei soci dipendenti che si sono iscritti in assemblea.

I sindacati bancari (che rappresentano circa 6.000 dipendenti) hanno appoggiato la fusione, soprattutto dopo gli accordi raggiunti sulle tutele per gli esuberi e lo schema di welfare aziendale.

Un voto favorevole dovrebbe arrivare anche dai soci non dipendenti (stimati in circa 800/1.000) guidati da Piero Leonardi, attuale consigliere di sorveglianza Bpm e candidato a entrare nel Cda della nuova entità aggregata.

Contrari all'operazione sono invece i pensionati, soprattutto quelli riuniti nelle due associazioni Lisippo per Bpm (che conta circa 250 iscritti) e Patto per la Bpm (i cui iscritti dovrebbero aggirarsi attorno a 800 ex dipendenti).

In generale le due associazioni contestano la validità del progetto industriale con Banco Popolare, la cui scarsa qualità dell'attivo aumenterebbe la rischiosità della nuova banca 'fusa', una governance sbilanciata a favore del Banco e un concambio sfavorevole agli azionisti Bpm.

"L'esito del voto dipenderà molto dall'affluenza dei dipendenti che si sono iscritti in massa e che sulla carta possono blindare la maggioranza dei due terzi necessaria all'approvazione", osserva un analista.

Nonostante le incertezze, molti analisti ritengono comunque che la fusione possa essere approvata.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia"

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below