BORSE EUROPA negative, timori su uscita da QE

mercoledì 5 ottobre 2016 11:42
 

5 ottobre (Reuters) - L'ipotesi che la Banca centrale europea possa avviare, sia pur gradualmente, la riduzione degli acquisti di titoli prima della chiusura del quantiative easing sta deprimendo le borse europee.

L'indice paneuropeo STOXX 600 alle 11,50 italiane cala dello 0,76% a 343,46 punti, appesantito dai titoli del comparto finanziario, dopo che ieri aveva chiuso in crescita dello 0,8%.

Per quanto riguarda le singole piazze, intorno alle 11,30, l'indice britannico FTSE 100 eè in calo dello 0,5%, il tedesco DAX perde lo 0,8% e il francese CAC 40 lo 0,88%.

Ieri l'agenzia Boloomberg ha scritto che la Bce probabilmente ridurrà gradualmente gli acquisti di titoli prima dell'interruzione del programma di finanziamento del mercato. La Bce ha detto di non aver discusso la questione.

L'incertezza degli operatori è ben riassunta da Markus Huber, trader londinese che dice: "non ci sono dubbi che il quantitative easing non andrà avanti, ma al momento è ancora operativo ed è prematuro dare per presa la decisione della Bce".

** Il gruppo della grande distribuzione Tesco ha annunciato oggi risultati semestrali nella parte alta della forchetta precedentemente comunicata: l'aggiornamento delle stime è stato ben accolto dal mercato, che ha premiato il titolo con un balzo oltre il 7,5%.

** Deutsche Bank guadagna l'1%, dopo che la newsletter Platow Brief ha scritto che gli azionisti pubblici della banca si dicono fiduciosi di poter arrivare ad un accordo per la fine di ottobre con le autorità americane per 4/5 miliardi. Molto al di sotto dei 14 miliardi di multa richiesti dagli Usa.

** Il gruppo francese delle telecomunicazioni Safra perde il 5%, dopo che l'antitrust ha bloccato l'offerta del concorrente Altice.

  Continua...