Vimpelcom, Hutchison, prelazione in caso cessione quota Wind-3 dopo 12 mesi

lunedì 3 ottobre 2016 13:38
 

MILANO, 3 ottobre (Reuters) - Vimpelcom e CK Hutchison Holding hanno un lock-up di un anno sulla loro partecipazione nella joint venture italiana che unisce i due operatori di telefonia mobile 3 Italia e Wind e un diritto di prelazione sulla quota del partner.

Secondo un filing, "nessuna delle due parti può ridurre la sua quota indiretta nella joint venture italiana sotto il 50% nel primo anno di completamento" dell'operazione. La fusione si prevede sarà efficace da fine 2016 o inizio 2017.

"Dopo il primo anno, entrambe le parti possono cedere le azioni della joint venture italiana a terzi, ma devono offrirle preventivamente all'altro partner", aggiunge.

"Tre anni dopo il completamento della joint venture, ciascun azionista può invocare un meccanismo di acquisto/vendita in ogni momento", conclude.

Una volta realizzata la jv, VimpelCom non consoliderà più i risultati di Wind, per i quali utilizzerà il metodo equity, secondo il filing.

In un filing di inizio settembre, la società aveva già parlato di questo meccanismo di acquisto/vendita a tre anni dal completamento dell'operazione.

Due fonti vicine alla vicenda avevano detto che si trattava di opzioni put e call sulla quota nella jv, esercitabili da entrambi. Secondo una delle fonti, erano utilizzabili soprattutto in caso di stallo decisionale.

Secondo le slide di settembre, inoltre, la jv avrà scadenze sul debito pari a zero nel 2017 e nel 2018, a 850 milioni nel 2019 e a circa 5,4 miliardi nel 2020, 3,8 miliardi nel 2021.

  Continua...