BORSA TOKYO chiude positiva per quarta seduta, balza Fujitsu

giovedì 6 ottobre 2016 08:15
 

TOKYO, 6 ottobre (Reuters) - La borsa di Tokyo ha chiuso in territorio positivo oggi per la quarta seduta consecutiva con lo yen più debole che spinge l'appetito per il rischio, mentre Fujitsu sale sulle indiscrezioni stampa secondo cui il gruppo cinese Lenovo starebbe acquisendo la sua divisione computer.

Il Nikkei ha guadagnato lo 0,47% a 16.899,10 punti; il più ampio indice Topix è salito dello 0,45% a 1.353,93 punti.

Sostiene il sentiment anche il dato positivo relativo all'attività del settore servizi Usa, che compensa quello, sotto le attese, della crescita del lavoro nel settore privato in vista del dato di domani sull'occupazione.

"Potrebbe essere troppo presto per essere ottimisti, ma alcuni hanno iniziato a vedere che un dollaro a livello di 105 yen non è un miraggio e i risultati corporate giapponesi ne trarranno beneficio", è il commento di Hiroyuki Nakai, chief strategist del Tokai Tokyo Research Center.

** Fujitsu balza del 5,67% dopo che il quotidiano Nikkei ha scritto che Lenovo vuole rilevare la sua divisione personal computer mentre la società giapponese si concentra sui servizi It e altri settori.

** Bene i titoli finanziari, con Nomura Holdings che sale dell'1,37%, e ancor più gli assicurativi: Sompo Holdings e Dai-ichi Life Holdings guadagnano rispettivamente il 6,49% e il 2,61%.

** Guadagnano terreno gli esportatori: Toyota Motor avanza dello 0,73%, Panasonic dello 0,29%.

** Acquistati i minerari, con i prezzi del greggio rimasti vicino ai massimi di giugno, livelli raggiunti nella seduta precedente in scia al calo delle scorte Usa.

** Inpex e Japan Petroleum Exploration salgono rispettivamente del 3,42% e del 2,52%.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia". Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia