25 maggio 2016 / 13:37 / in un anno

Enti locali, fabbisogni finanziamento modesti in 2016/2018 -Moody's

MILANO, 25 maggio (Reuters) - Dal 2016 al 2018 i fabbisogni di finanziamento da parte di regioni ed enti locali saranno relativamente modesti a causa dei vincoli di pareggio di bilancio.

Lo scrive Moody’s in un rapporto pubblicato oggi.

L‘agenzia di rating prevede che nel 2016 le richieste di finanziamento si attesteranno a circa 2 miliardi di euro, leggermente al di sotto delle precedenti previsioni di Moody‘s(2-3 miliardi), prima di salire lievemente nel 2017-2018.

Nel 2016, ricorda l‘agenzia, il governo ha abbandonato il meccanismo del Patto di Stabilità, ai sensi del quale erano stati imposti risparmi annuali sulle spese delle pubbliche amministrazioni locali e regionali, a favore del principio di pareggio di bilancio.

Moody’s prevede che i governi locali e regionali adempieranno a questo requisito soprattutto tenendo sotto stretto controllo gli investimenti. I nuovi requisiti di budget consentiranno un aumento delle spese in conto capitale prevalentemente a fronte di margini correnti positivi, mentre solo una quota minoritaria sarà finanziata dal debito, per lo meno nel breve termine.

“La Cassa Depositi e Prestiti continuerà a dominare il mercato dei crediti alle amministrazioni locali e regionali, fornendo prestiti a tassi convenienti e con un‘ampia gamma di scadenze, mentre i prestiti bancari nel settore saranno probabilmente molto limitati” spiega nella nota Massimo Visconti, responsabile del settore Finanza Pubblica per l‘Italia.

Visconti prevede che nei prossimi due anni regioni e grandi città non attingano direttamente ai mercati dei capitali.

IN EUROPA FABBISOGNI FINANZIAMENTI ANCORA ELEVATI

L‘esame europeo di Moody‘s, che comprende anche Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna, mostra invece fabbisogni di finanziamento ancora complessivamente elevati nel 2016/2018.

L‘importo medio annuo atteso è di circa 171 miliardi di euro in lieve flessione rispetto ai 179 miliardi stimati per il 2015.

Le amministrazioni locali di Francia, Germania e Gran Bretagna faranno affidamento per lo più ai finanziamenti bancari e dei mercati dei capitali, mentre quelle di Italia e Spagna si rivolgeranno soprattutto ai loro governi centrali.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below