PUNTO 1-UniCredit, Ghizzoni lascia, atteso successore entro 9 giugno

martedì 24 maggio 2016 20:41
 

(completa storia con dettagli e contesto)

di Paola Arosio e Gianluca Semeraro

MILANO, 24 maggio (Reuters) - Al termine di un consiglio durato un paio d'ore, il Ceo di UniCredit Federico Ghizzoni ha dato la disponibilità a definire un accordo per la risoluzione del rapporto.

Parte a questo punto il processo per la sua successione, affidato al presidente Giuseppe Vita. L'intento, secondo una fonte vicina alla situazione, è di arrivare a nominare il nuovo Ceo nel consiglio del 9 giugno.

La decisione è arrivata dopo che lo stesso Ghizzoni e il cda hanno constatato che sono maturate le condizioni per un avvicendamento al vertice del gruppo, dice una nota.

Ghizzoni, nominato Ceo a settembre 2010 al posto di Alessandro Profumo, si è impegnato a mantenere le proprie funzioni fino alla nomina del successore e a sostenerlo "adeguatamente" nella opportuna fase di transizione.

L'accordo per la risoluzione del rapporto dovrà essere approvato dagli organi competenti.

Il consiglio di amministrazione, all'unanimità, ha ringraziato Ghizzoni per l'alta qualità del lavoro svolto nell'interesse del gruppo, degli azionisti e dei dipendenti. Ha anche espresso un forte apprezzamento per la grande competenza e la totale dedizione con cui ha guidato la banca in condizioni di mercato estremamente difficili, per la nota.

Ghizzoni ha guidato la banca nella fase più acuta della crisi della zona euro, portando a termine nel 2012 un aumento di capitale da 7,5 miliardi.   Continua...