24 maggio 2016 / 14:02 / un anno fa

PUNTO 1-Renzi riavvia dialogo con sindacati, apre su pensioni minime, usuranti

(Aggiunge Renzi)

ROMA, 24 maggio (Reuters) - Riparte il dialogo tra governo e sindacati sulle materie della previdenza e del mercato del lavoro e, almeno sul metodo, alla riunione di oggi si è registrato un clima positivo.

L'esecutivo ha elencato i capitoli sui quali vuole intervenire nella prossima legge di Stabilità: pensioni e taglio del cuneo. C'è poi la riforma dei contratti da affrontare.

"C'è stata disponibilità reciproca al confronto con l'intenzione di arrivare, dove possibile, a soluzioni condivise", ha detto il ministro del Welfare, Giuliano Poletti, al termine della riunione alla quale era presente anche il sottosegretario alla presidenza, Tommaso Nannicini, che coordina le scelte di politica economica da Palazzo Chigi.

A riportare l'attenzione sui contenuti, dei quali nulla si è detto al tavolo al ministero del Welfare, è intervenuto nel pomeriggio il premier Matteo Renzi.

Intervistato da Repubblica.it, il premier ha aperto a un intervento in Stabilità a favore delle pensioni minime e dei lavoratori impiegati in attività usuranti.

Renzi ha poi ribadito l'intenzione di consentire un anticipo della pensione, con penalizzazioni, per i nati nei primi anni '50 "schiacciati" dalla legge Fornero.

Confermata anche la volontà di un taglio strutturale del cuneo fiscale, sempre in Finanziaria.

I sindacati hanno ribadito le proposte della loro piattaforma che punta sul ripristino della flessibilità per l'accesso alla pensione di vecchiaia, la rivalutazione degli assegni dopo il blocco della legge Fornero, gli 80 euro anche per i pensionati, il pensionamento con 41 anni di contributi per tutti senza penalizzazioni.

I leader di Cgil, Cisl e Uil mostrano soddisfazione per l'esito dell'incontro, pur cauti in attesa di entrare nel dettaglio delle proposte nelle prossime settimane. "La notizia è che dopo lungo tempo il governo ha proposto di avviare un tavolo di merito su pensioni e lavoro... Ci hanno detto che non ci faranno trovare davanti a provvedimenti unilaterali", ha commentato il segretario generale della Cgil Susanna Camusso.

"L'altra notizia è che cambia il quadro precedente di riferimento", ha aggiunto.

Anche Annamaria Furlan (Cisl) e Carmelo Barbagallo (Uil) parlano di confronto partito con il piede giusto ma aspettano il merito.

Unica novità annunciata da Poletti è stato l'impegno a gestire le aree di crisi complesse, anche attraverso l'introduzione di ammortizzatori sociali specifici.

È da vedere se il governo Renzi sarà disponibile a mediare sui contenuti o andrà avanti sulla propria strada come è accaduto con il Jobs act.

"Noi non pensiamo che la concertazione sia la coperta di Linus, della quale è impossibile fare a meno, se la concertazione c'è siamo più contenti. Se si possono fare gli accordi siamo qui", ha detto Renzi.

(Francesca Piscioneri)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below