BORSA MILANO in calo con banche, pesante B.Popolare, sale Campari

lunedì 9 maggio 2016 13:07
 

MILANO, 9 maggio (Reuters) - A differenza delle altre borse europee, tutte positive, Piazza Affari chiude la mattinata in leggero ribasso, con il rialzo di alcuni titoli industriali che non riesce a compensare la debolezza del settore bancario.

Intorno alle 13 il FTSEMib scende dello 0,6%, l'Allshare perde lo 0,5%. Volumi intorno a 900 milioni di euro.

In Europa il FTSEurofirst 300 sale dell'1,2%, positiva l'intonazione dei futures sugli indici Usa.

** Vendite copiose dunque, ancora una volta, sui titoli bancari guidati oggi dal BANCO POPOLARE, in calo di oltre il 7%. Nell'assemblea di sabato ha preannunciato per domani un trimestre debole, ma soprattutto ha aperto alla possibilità che tutto l'aumento propedeutico alla fusione con POP MILANO (-4,6%) sia dato in opzione ai soci. "Sarebbe probabilmente piaciuto di più che avesse detto che ci sono già degli investitori pronti a entrare", commenta un operatore.

Sulle banche i trader parlano di short selling generale e sottolineano che il principale timore è sempre quello che il fondo Atlante non sia sufficiente a risolevere il problema degli Npl. MPS è in asta con -5,5%, UBI perde il 3,3%.

** Brilla invece DAVIDE CAMPARI dopo conti trimestrali migliori delle attese

** Rimbalza FERRAGAMO che aveva sofferto venerdì. Bene YNAP.

** Sale BANCA MEDIOLANUM aiutata dai dati sulla raccolta netta. Scende FINECO

** Poco mossa ENI, mentre scende SAIPEM su cui S&P ha tagliato il rating di lungo termine a 'BB+' con outlook negativo.   Continua...