PUNTO 2-Tenaris, risultati giù in trim1, outlook negativo, titolo recupera

giovedì 28 aprile 2016 17:31
 

(Aggiunge commenti da conference call, aggiorna andamento titolo)

MILANO, 28 aprile (Reuters) - Tenaris chiude il trimestre con risultati in netto calo e un outlook sconfortante sul resto dell'anno.

Il gruppo guidato da Paolo Rocca, si legge in un comunicato, ha archiviato il periodo con ricavi pari a 1,257 miliardi di dollari, in calo del 44% rispetto a un anno prima.

L'Ebitda cala del 61% a 205 milioni, il margine Ebitda precipita al 16,3% dal 23,4% dei primi tre mesi del 2015. Nella conference call di presentazione dei conti, Rocca ha preannunciato che l'Ebitda margin adjusted nel 2016 si attesterà attorno al 15%.

Tracolla di 89% l'utile operativo a 42 milioni e di 93% il netto a 18 milioni, pari a 0,02 dollari per azione (0,22 dollari un anno prima).

I ricavi continuano a calare su base sequenziale a causa della riduzione dell'attività di estrazione a livello mondiale e delle pressioni sui prezzi. Il greggio, osserva la società, è risalito dai minimi di gennaio ma bisognerà attendere che i prezzi si confermino per diversi mesi sugli attuali livelli prima che le compagnie petrolifere riprendano ad investire.

Dal punto di vista geografico si nota una contrazione accentuata dell'attività di estrazione in Nord America. Se i costi dell'acciaio e degli altri materiali di costruzione sono aumentati rapidamente, i prezzi dei prodotti Octg sono scesi e non accennano a ridursi le pressioni legate all'eccesso di scorte. Questa situazione "è insostenibile e ci aspettiamo che i prezzi si adeguino alla nuova situazione dei costi delle materie prime".

Ma vendite e margini saranno danneggiati nei prossimi due trimestri. Una ripresa delle vendite dovrebbe cominciare entro la fine dell'anno.

Unanimi i broker, che considerano i risultati in linea con le attese ma sottolineano che l'outlook implica una revisione del consensus. Attualmente, il mercato stima un Ebitda 2016 pari a 900 milioni; un analista prevede un taglio del 10-15%. Ugualmente, le previsioni sul 2017 sono a rischio di riduzione.   Continua...