PUNTO 1-Atlantia vuole avere più peso estero, cerca soci per Adr, Aspi

giovedì 21 aprile 2016 14:12
 

(Aggiorna, cambia titolo, aggiunge dichiarazioni AD)

ROMA, 21 aprile (Reuters) - Atlantia, holding a cui fa capo la maggiore rete autostradale italiana e lo scalo aeroportuale di Fiumicino, vuole aumentare la sua esposizione internazionale e cerca investitori a cui cedere quote minoritarie delle controllate Autostrade per l'Italia (Aspi) e Aeroporti di Roma (Adr).

Lo ha detto l'AD Giovanni Castellucci nel corso dell'assemblea degli azionisti, che ha approvato senza voti contrari il bilancio 2015 chiuso con utile netto di 733 milioni per la capogruppo e un dividendo ai soci di 0,88 euro per azione, +10% sul 2014.

"Vogliamo essere sempre più un'azienda esposta al Gdp globale", ha detto l'AD di Atlantia.

La strada è quella di "cogliere opportunità internazionali", ha detto Castellucci, il cui gruppo ha mostrato interesse per la privatizzazione dell'aeroporto di Nizza ed è presente in Cile, Brasile e Polonia. Strumentale a questo obiettivo è la ricerca di soci a cui cedere quote di minoranza delle due società operative nelle concessioni autostradali e aeroportuali.

"Su Adr, Atlantia non cerca un partner ma cerca un socio a cui vendere il 20-30% dell'asset controllato da Atlantia. Parliamo di un fondo pensione interessato al dividendo", ha spiegato Castellucci, che ha anche citato stime di analisti che valutano in oltre 4 miliardi l'equity di Adr.

"Cerchiamo soci che non vogliano mettere il veto o vogliano avere un potere di indirizzo, soprattutto perché è difficile dire dal Canada o da Abu Dhabi quali siano i problemi della Variante di Valico", ha spiegato l'AD estendendo il ragionamento anche alla possibile apertura del capitale di Aspi, che ha realizzato la Variante autostradale tra Firenze e Bologna.

Secondo indiscrezioni di stampa non smentite dalla società, Atlantia ha superato la fase di prequalifica per la gara di privatizzazione dell'aeroporto di Nizza, che dovrebbe chiudersi entro luglio.

"Ci sono varie operazioni, non solo Nizza e Lione (nel settore aeroportuale) che stiamo esplorando nel mondo nel settore autostradale. Sono dossier riservati con negoziazioni one to one", ha detto Castellucci.   Continua...