BORSE EUROPA in calo con petroliferi dopo mancato accordo Doha

lunedì 18 aprile 2016 11:25
 

INDICI                        ORE 11,10   VAR %    CHIUS. 2015
 EUROSTOXX50                   3039,46     -0,49    3267,52
 FTSEUROFIRST300               1345,45     -0,37    1437,53
 STOXX BANCHE                  148,17      -0,35    182,63
 STOXX OIL&GAS                 266,74      -1,3     262,31
 STOXX ASSICURAZIONI           250,74      -0,7     285,56
 STOXX AUTO                    484,29      0,39     565,06
 STOXX TLC                     321,59      -0,61    347,10
 STOXX TECH                    331,87      -0,37    355,86
 
    MILANO, 18 aprile (Reuters) - I mercati azionari europei
sono in calo oggi, con i petroliferi deboli dopo che il prezzo
del greggio è sceso fortemente a seguito dell'esito negativo
dell'incontro fra i maggiori esportatori a Doha.
    ** Alle 11,10 italiane lo STOXX Europe Oil and Gas index
 cede l'1,3%. Royal Dutch Shell, Total 
ed Eni segnano tutte perdite tra il 2 e il 3%.
    ** Un accordo per congelare la produzione petrolifera Opec e
non-Opec non è stato raggiunto ieri a Doha. 
    ** "Gli effetti del fallimento di Doha sui prezzi del
petrolio e su altri asset saranno il focus principale della
seduta oggi", commenta Alessandro Balsotti, portfolio manager di
JCI Capital Limited in una nota.
    ** Il comparto minerario perde l'1,3% con i prezzi
del rame indeboliti dal calo del greggio.
    ** Alle 11,10 italiane il paneuropeo FTSEurofirst 300
 segna -0,37%, poco sopra al minimo intraday da
mercoledì, mentre l'Euro STOXX 50 -0,49%.
    ** Anche titoli legati alla produzione di chip come ARM
Holdings e Dialog Semiconductor sono in netto
ribasso oggi, con i trader che citano una notizia del quotidiano
finanziario nipponico Nikkei secondo cui Apple continuerà a
produrre iPhone ad un livello ridotto a causa di vendite poco
soddisfacenti..     
    ** Reckitt Benckiser sale invece di circa l'1% dopo
aver riportato vendite trimestrali leggermente migliori del
previsto e confermato le previsioni annue.   
    ** Sale dello 0,7% anche il settore turismo,
sostenuto dal ribasso del greggio. TUI è tra i titoli a maggior
rialzo con un +2,3% dopo che Berenberg ha aumentato la
raccomandazione sul titolo a buy da hold.
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia