PUNTO 1-Artsana, Investindustrial rileva 60%, famiglia Catelli scende al 40%

martedì 12 aprile 2016 11:01
 

(Aggiunge dettagli, background, commento)

MILANO, 12 aprile (Reuters) - L'operatore di private equity Investindustrial ha firmato un accordo con la famiglia Catelli per rilevare il 60% di Artsana, titolare del marchio per l'infanzia Chicco e dei brand per la cura della persona PIC Solution, Lycia e Control.

La famiglia Catelli, dice una nota, resterà socia con una quota del 40% e continuerà a guidarne lo sviluppo al fianco di Investindustrial. Michele Catelli sarà presidente e Claudio De Conto continuerà a fare l'AD.

Artsana, che ha sede a Grandate (Como), ha archviato il 2015 con ricavi consolidati per 1,42 miliardi e un Ebitda di 126 milioni.

Secondo una fonte vicina all'operazione, la società comasca è stata valutata complessivamente 1,3 miliardi.

Nei giorni scorsi due fonti avevano detto a Reuters che la due diligence procedeva come da tabella di marcia e la firma sarebbe giunta entro la metà di aprile.

Chicco, che prende il nome dal vezzeggiativo con cui veniva chiamato Enrico, il primogenito del fondatore Pietro, è una delle tante società italiane a guida familiare che si confronta con il passaggio generazionale.

Come succede in Italia, più spesso che in altri paesi europei, dopo la morte di Pietro nel 2004 la gestione dell'azienda è stata affidata a uno dei tre figli, Michele, invece che a un manager indipendente.

Ma, dopo la crisi finanziaria e il primo bilancio in rosso nel 2011, Michele ha passato la mano a Claudio De Conto, ex manager Pirelli. De Conto ha ceduto alcuni asset e riportato in Italia la produzione che era stata delocalizzata in buona parte in Cina, India e Corea.   Continua...