Ansaldo Sts, Elliott chiede a Tar rideterminazione prezzo Opa a 15 euro

giovedì 7 aprile 2016 09:00
 

MILANO, 7 aprile (Reuters) - Elliott, il secondo maggiore azionista di Ansaldo Sts, ha presentato al Tribunale amministrativo regionale la richiesta di annullamento della delibera Consob del 3 febbraio riguardante la rettifica del prezzo dell'Opa di Hitachi a 9,899 euro e chiede una rideterminazione del prezzo delle azioni a circa 15 euro.

Lo rende noto il fondo, che ha una posizione lunga complessiva pari al 29,409% del capitale di Ansaldo Sts.

"La richiesta di Elliott è volta a determinare che, come conseguenza della collusione già accertata da Consob, il prezzo dell'offerta pubblica di acquisto debba essere aumentato di un valore che è molto più alto di 0,399 euro per azione indicato nella decisione della Consob, e che è quantificabile in circa 5,5 euro per azione, che si tradurrebbe in una revisione del prezzo di offerta a circa 15 euro per azione", si legge in una nota.

Elliott, prosegue il comunicato, "confida che le autorità di vigilanza e controllo italiane e la magistratura tuteleranno i diritti degli azionisti di minoranza in conformità con la legge".

Il 3 febbraio scorso Consob aveva imposto a Hitachi di aumentare a 9,899 da 9,50 euro per azione il prezzo dell'Opa obbligatoria su Ansaldo Sts.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia