Bpm, presentate tre liste per Cds, Rossi verso la presidenza

martedì 5 aprile 2016 16:52
 

MILANO, 5 aprile (Reuters) - Per il rinnovo del Cds di Bpm sono state presentate tre liste con quella, storicamente di maggioranza, capeggiata da Nicola Rossi quale probabile successore di Piero Giarda.

Lo si apprende da una nota della banca pubblicata in vista della prossima assemblea del 30 aprile. Sull'ex parlamentare del Partito Democratico ed economista che, se eletto alla presidenza, avrà il compito di traghettare la banca nel passaggio verso la forma di Spa e la fusione con il Banco Popolare si è coaugulato il consenso dei soci dipendenti e pensionati, che storicamente rappresenta la maggioranza degli stakeholder.

In questa lista, composta da 14 nomi, sono presenti alcuni consiglieri uscenti come i due vicepresidente Mauro Paoloni e Marcello Priori, oltre a Alberto Balestreri, Angelo Busani e Maria Luisa Mosconi.

A sfidare Nicola Rossi sarà Piero Lonardi, storico rappresentante dei soci non dipendenti e che ha presentato una sula lista di 15 nomi con la presenza dei consiglieri uscenti Roberto Fusilli e Emilio Luigi Cherubini.

La terza lista è riconducibile a Raffaele Mincione, azionista con il 5,7% della banca attraverso Athena Capital e che, in quanto organismo di investimento collettivo in valori mobiliari (Oicvm), ha diritto a due posti nel Cds. Nei primi due posti di questa lista figurano Massimo Catizone e Ezio Simonelli.

Infine, per quanto riguarda il rappresentante della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, previsto da statuto, il candidato è il consigliere uscente Carlo Frascarolo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

  Continua...