Eni, arrestati 5 funzionari per traffico illecito rifiuti Basilicata

giovedì 31 marzo 2016 10:12
 

ROMA, 31 marzo (Reuters) - I carabinieri hanno annunciato oggi di aver arrestato cinque tra funzionari e dipendenti di Eni nell'ambito di un'inchiesta sul traffico e lo smaltimento illecito di rifiuti in Basilicata.

L'operazione dei carabinieri del Comando Tutela Ambiente, dice una nota, ha riguardato le province di Potenza, Roma, Chieti, Genova, Grosseto e Caltanissetta.

I cinque, dipendenti del Centro Olio Val d'Agri di Eni, sono agli arresti domiciliari.

Un dirigente regionale è stato raggiunto da un'ordinanza di divieto di dimora, dicono i carabinieri, annunciando che ulteriori dettagli sulla vicenda saranno forniti in una conferenza stampa in mattinata.

"I nostri legali stanno analizzando la situazione, solo quando avremo un quadro completo potremo dare un commento. Al momento possiamo dire che presteremo piena collaborazione alla magistratura", ha detto un portavoce di Eni a Reuters.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia