BUZZ BORSA-Banco Popolare cedente, mercato teme diluizione da aumento, bene Bpm

martedì 22 marzo 2016 12:39
 

** Andamento divergente per le promesse spose Bpm e Banco Popolare alla vigilia dei consigli di domani che delibereranno in merito alla potenziale operazione di aggregazione.

** Dopo le dichiarazioni di sabato dei vertici di Banco Popolare sulla determinazione a portare a termine il progetto, ieri due fonti vicine alla situazione hanno riferito di un rafforzamento patrimoniale, non necessariamente un aumento, fino a 1,5 miliardi di euro, mentre una seconda ha riferito di misure sul capitale, anche in questo caso non tutte tramite aumento, fino a 1 miliardo. Oggi i quotidiani parlano anche di altre strade di rafforzamento patrimoniale come ad esempio emissione di strumenti obbligazionari. O di aumento riservato a investitori istituzionali.

** Il mercato si interroga quindi sul potenziale effetto diluitivo che un aumento di capitale avrebbe sul Banco Popolare in termini di eps. "Riteniamo che un rafforzamento patrimoniale del Banco completato prima della fusione spiani la strada all'operazione. Se da un lato Bpm potrebbe beneficiare dall'aumentata probabilità del merger, Banco Popolare sarebbe penalizzato dall'effetto diluitivo dell'aumento di capitale", spiega Manuela Meroni di Banca Imi.

** Un analista non citabile ritiene che un mix di azioni possa limitare il potenziale effetto diluitivo del rafforzamento patrimoniale e sarebbe accolto positivamente dal mercato. Tuttavia, aggiunge, bisogna valutare come impatterà sul concambio.

** Alle 12,30 Bpm sale dell'1,52% a 0,7005 euro, mentre Banco Popolare cede l'1,93% a 7,11 euro. Per Bpm volumi nella norma, mentre per Banco Popolare sono già quasi pari alla media mensile sull'intera seduta. I bancari italiani cedono l'1,31%, quelli europei l'1,42%.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia