Giappone, export giù per quinto mese in febbraio, timori su crescita

giovedì 17 marzo 2016 08:25
 

TOKYO, 17 marzo (Reuters) - Esportazioni giapponesi in calo per il quinto mese consecutivo in febbraio, un dato che conferma i timori secondo cui la debolezza della domanda estera potrebbe contribuire a spingere il paese nuovamente in recessione.

Nonostante una ripresa dell'export verso la Cina, il dato complessivo di febbraio fa segnare un calo del 4% su anno, oltre le stime degli economisti, fissate a -3,1%.

Il miglioramento rispetto al -12,9% di gennaio, il dato peggiore dal 2009, riflette soprattutto la ripresa delle consegne verso Pechino (+5,1%) dopo lo stop dovuto alla lunga festività del capodanno.

"Il capodanno è certamente un fattore in quanto l'attività dell'industria cinese rallenta notevolmente e poi riprende molto rapidamente" osserva lo strategist di Mitsubishi Ufj Morgan Stanley Securities Shuji Tonouchi. "Escludendo questo fattore resta ancora dell'incertezza su come la Cina ribilancerà la propria economia e su come gli altri mercati emergenti se la caveranno".

Le importazioni nipponiche hanno registrato un calo del 14,2% in febbraio dopo il -18,0% del mese precedente; le attese erano per una flessione leggermente più ampia, del 15,2%.

La bilancia commerciale del Paese passa in attivo di 242,8 miliardi di yen, rispetto al rosso di 645,9 miliardi di gennaio (le stime erano per un surplus di 388,6 miliardi).

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia