Astaldi, utile netto 2015 a 80,9 mln, dividendo 0,2 euro

mercoledì 9 marzo 2016 15:04
 

ROMA, 9 marzo (Reuters) - Astaldi ha chiuso il 2015 con un utile netto in lieve flessione sull'anno precedente, a 80,9 milioni di euro su 2,85 miliardi di ricavi, in crescita del 7,6%.

Agli azionisti verrà proposto un dividendo di 20 centesimi di euro per azione da approvarsi nell'assemblea del prossimo 20 aprile (stacco della cedola 9 maggio 2016, record date 10 maggio 2016, pagamento 11 maggio 2016).

Il gruppo di costruzioni e concessioni controllato dalla famiglia Astaldi, ha anche approvato la risoluzione consensuale con l'Amministratore Delegato Stefano Cerri.

La conduzione della Società resterà affidata all'AD Filippo Stinellis. Il nuovo Piano Industriale sarà presentato nel mese di aprile.

Quanto ai risultati di bilancio, l'Ebitda è stato di 356,4 milioni, in crescita del 4,4% su base annua, con un margine del 12,5%.

L'utile a 80,9 milioni si raffronta con gli 81,5 milioni del 2014. "Complessivamente, il confronto su base annua risente sostanzialmente delle dinamiche relative al Venezuela e al Canada, oltre che di un esercizio precedente alimentato, tra l'altro, dal rilascio dei margini di commesse in fase di ultimazione (Metropolitana di Varsavia Linea 2 Fase 1)", dice la nota.

Il debito netto a fine 2015 è stato pari a 982,7 milioni.

Il portafoglio ordini totale ha superato 28 miliardi di cui 17,8 in esecuzione e 6,7 di ulteriori iniziative acquisite e in via di finalizzazione. I nuovi ordini 2015 sono stati pari a oltre 6,5 miliardi.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato cliccando su   Continua...