Tap, ingresso Snam darebbe valore aggiunto - presidente Socar

venerdì 2 ottobre 2015 18:36
 

MILANO, 2 ottobre (Reuters) - L'ingresso di Snam nel gasdotto Tap, che porterà il gas azero in Puglia, sarebbe un valore aggiunto al progetto, anche se non è ancora certo chi sia a cedere la quota.

È quanto ha detto il presidente di Socar, la società azera del gas e petrolio, Rovnag Abdullayev, a margine di un evento a Expo.

"Snam è la benvenuta. È tra le più importanti società del settore, il suo apporto darebbe un valore aggiunto al progetto e non sarebbe solo un investitore finanziario.", ha detto il numero uno di Socar. Che ha aggiunto: "Anche se non so chi sarà a cedere la quota. Tap è un progetto molto redditizio quindi difficile che qualcuno voglia uscire".

L'AD di Snam Carlo Malacarne, presente all'incontro, ha ribadito che a cedere il 20% dovrebbe essere la norvegese Statoil e che "la formalizzazione della gara dovrebbe avvenire entro novembre".

A tal proposito Abdullayev ha sottolineato che "Statoil è uscita dall'upstream Shah Deniz il. consorzio che estrae il gas per puntare al nord.".

Quanto alla tempistica sul progetto Abdullayev ha confermato che il primo gas arriverà in Puglia nel 2020. "È tutto regolare, il primo gas è confermato nel 2020 e le costruzioni dell'infrastruttura negli altri Paesi procedono regolarmente", ha concluso.

Attualmente i principali azionisti di Tap sono Enagas e Fluxys con il 16% e il 19% rispettivamente, BP, Statoil e Socar con il 20% a testa e la svizzera Axpo con il 5%.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia