Saipem, sette banche in consorzio aumento capitale - fonti

venerdì 2 ottobre 2015 14:47
 

MILANO, 2 ottobre (Reuters) - Saipem ha in corso la finalizzazione del consorzio di banche per l'aumento di capitale da oltre 3 miliardi allo studio, secondo fonti vicine alla situazione.

"Il consorzio è ancora in via di formazione, una decisione è attesa nelle prossime due settimane, ma al momento ci sono sette banche", dice una delle fonti.

Goldman Sachs e JPMorgan avranno un ruolo di peso come global coordinator nel consorzio, mentre le altre banche coinvolte sono Citi, Deutsche Bank, Mediobanca, Intesa Sanpaolo e UniCredit, per le fonti.

Il consorzio sottoscriverà l'aumento di capitale di oltre 3 miliardi che sarà reso noto il 27 ottobre prossimo, in occasione dei conti del terzo trimestre e del piano industriale, secondo le fonti. Al consorzio verrà anche richiesto di rifinanziare il debito di Saipem, pari a 5,5 miliardi, che attualmente avviene attraverso Eni.

Nessun commmento dalle banche interessate.

Cdp sta discutendo con Eni le modalità di ingresso nel capitale di Saipem in modo da consentire alla major petrolifera di scendere nella oil service e deconsolidare il suo debito, hanno riferito a Reuters diverse fonti finanziarie e vicine al dossier la scorsa settimana. L'operazione prevederebbe anche un aumento di capitale.

"L'aumento sarà probabilmente di oltre 3 miliardi e Eni parteciperà", dice una delle fonti. Eni dovrebbe sostenere l'aumento assieme a Cdp che sta negoziando l'acquisto di una quota fino a 23% in Saipem.

Cdp, Eni e Saipem non hanno commentato.

  Continua...