September 29, 2015 / 1:36 PM / 2 years ago

Pensioni, da immigrati 3 mld in cassa, stop assistenza a chi espatria-Boeri

3 IN. DI LETTURA

ROMA, 29 settembre (Reuters) - Grazie ai lavoratori stranieri che hanno versato contributi in Italia senza poi ricevere la pensione, nelle casse dell'Inps si è accumulato un 'tesoretto' di 3 miliardi ai quali se ne potrebbero aggiungere altri dodici.

È quanto si legge nel rapporto World Wide Inps illustrato stamani.

Il presidente dell'istituto di previdenza, Tito Boeri, ha poi chiesto di sospendere l'assistenza ai pensionati residenti all'estero, intervento che consentirebbe allo Stato di risparmiare circa 200 milioni l'anno.

Immigrati Non Drenano Risorse Ma Le Portano All'italia

"Le persone con cittadinanza non italiana nate prima del 1949, con contribuzione Inps, che non hanno ricevuto prestazioni previdenziali" sono 198.000, il 21% del totale, e hanno versato contributi che, capitalizzati in base alle regole del sistema contributivo, "valgono oggi oltre 3 miliardi di euro", si legge nel rapporto.

Il fenomeno deriva dal fatto che fino al 1996 per accedere alla pensione di vecchiaia a 66 anni era necessaria una anzianità contributiva minima, non raggiunta da molti stranieri che lasciavano l'Italia prima di averla maturata perdendo quindi il diritto a incassare quanto versato.

Se si considera poi la generazione di stranieri nati tra il 1949 e il 1981, calcolando anche su questa platea un 21% che non prenderà la pensione, "abbiamo già oggi circa 12 miliardi di montante contributivo che non darà luogo a pensione".

"Negli ultimi anni, gli stranieri versano mediamente contributi annui tra i 7 e gli 8 miliardi. Se anche solo il 5% (rispetto al 21% riscontrato sui nati ante 1949) di questi contributi non dà luogo a prestazioni, si ha un flusso di free riding annuale di circa 375 milioni di euro", spiega Inps.

Boeri propone di far convogliare queste risorse in un fondo per investire su politiche di integrazione degli immigrati, anche alla luce dell'aumento dei flussi di questi anni.

Stop Ad Assistenza Per Pensionati Che 'Fuggono' All'estero

Boeri sollecita poi un intervento per interrompere il pagamento della parte non contributiva delle pensioni, cioè l'assistenza per integrazioni ai minimi pensionistici e maggiorazioni sociali, agli anziani che vivono all'estero, risparmiando così 206,8 milioni annualmente versati dallo Stato.

"È un principio abbastanza strano, che altri Paesi non attuano, ed è paradossale perché in Italia non ci sono strumenti contro la povertà né una rete di assistenza sociale di base [come il reddito minimo garantito] proprio perché si dice che non ci siano le risorse", ha spiegato l'economista.

Dal 2003 al 2014 sono in tutto 36.578 gli anziani espatriati di cui 5.345 solo lo scorso anno, in crescita del 65% rispetto al 2013.

L'Inps eroga all'estero circa 40.000 trattamenti pensionistici all'anno per un importo complessivo di oltre 1 miliardo di euro in più di 150 paesi.

(Francesca Piscioneri)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below