BORSA USA in calo su timori frenata Cina, mosse Fed, bene Alcoa

lunedì 28 settembre 2015 18:36
 

NEW YORK, 28 settembre (Reuters) - Gli indici di Wall Street procedono in deciso ribasso, con gli investitori che appaiono sempre più preoccupati dallo stato di salute dell'economia cinese.

Ad agosto, infatti, la produzione industriale di Pechino è calata dell'8,8%.

Timori anche sulla tempistica dell'incremento dei tassi da parte della Federal Reserve. Il mese scorso la spesa per consumi negli Usa è aumentata più di quanto ci si attendesse, rafforzando le attese di un incremento del costo del denaro entro la fine dell'anno.

Alcoa sale de 2,2% circa sull'annuncio della separazione del produttore di alluminio in due entità separate, entrambe quotate.

Alcoa a parte, i segnali che provengono dalla Cina pesano negativamente su tutte le società legate alle materie prime e all'energia.

Apple lascia sul terreno l'1,3% circa sebbene le vendite del nuovo iPhone nel primo week-end di commercializzazione abbiano toccato livelli record.

Tra gli altri titoli in evidenza, vola Media General (+24% circa) dopo che Nexstar (+1% circa) ne ha annunciato l'acquisizione per 4,1 miliardi di dollari.

Tracollo di Verastem (-69% circa) sulla notizia dell'abbandono della principale terapia in fase di sviluppo per la cura del mesotelioma.

A picco Caredx (+38% circa): il Centers for Medicare & Medicaid Services ha proposto un drastico cambiamento dei tassi di rimborso per la maggior parte dei test di diagnostica molecolare.   Continua...