Governo tedesco nega conoscenza truffa Volkswagen su motori diesel

mercoledì 23 settembre 2015 12:49
 

BERLINO, 23 settembre (Reuters) - Il ministero dei Trasporti nega di essere stato a conoscenza della tecnologia Volkswagen utilizzata per truccare le prove di emissione delle auto, nonostante abbia riconosciuto che solo pochi mesi fa sapeva di un divario generale tra i test e le emissioni effettive misurate su strada.

Volkswagen ha ammesso di aver utilizzato un software per riconoscere quando una macchina veniva controllata in un centro di test, impostare il motore in modalità economia e ridurre le emissioni di sostanze chimiche, al fine di registrare risultati inferiori a quelli osservati in condizioni di guida normali.

All'inizio di quest'anno, membri del partito dei Verdi avevano chiesto chiarimenti al governo sulla discrepanza fra le emissioni in ambiente di prova e durante la guida normale.

Il ministero dei Trasporti, rispondendo per il governo, il 28 luglio scorso aveva ammessso di essere a conoscenza del problema, aggiungendo che stava cercando di stringere le regole. La risposta non ammetteva alcuna manipolazione intenzionale.

"Attraverso il miglioramento e la riconfigurazione del processo di misurazione, attraverso la fissazione di livelli di tolleranza molto più bassi e l'utilizzo di condizioni più vicine alla realtà, l'obiettivo è ottenere risultati più rappresentativi", aveva detto il governo.

Il ministero ha riconosciuto che non è stato fatto abbastanza per verificare i dispositivi di controllo delle emissioni e ha detto che stava lavorando su nuove "norme tecniche". L'introduzione di tali norme, ha aggiunto, era in fase di negoziazione con la Commissione europea.

Die Welt ha scritto che la risposta equivaleva ad ammettere che era al corrente dei "trucchi", ma un portavoce lo ha negato.

"Non c'era alcuna conoscenza da parte del ministero dei Trasporti dell'uso della tecnologia di controllo delle emissioni", ha affermato.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia