RPT-PUNTO 1-Telecom Italia, difficile conversione risparmio se sconto non si allarga - fonti

mercoledì 16 settembre 2015 18:20
 

(Precisa percentuale azioni risp su capitale totale)

di Stefano Rebaudo e Pamela Barbaglia

MILANO, 15 settembre (Reuters) - La conversione delle azioni di risparmio Telecom Italia rischia di vedere la luce il prossimo anno o comunque quando lo sconto con le ordinarie si sarà ampliato rispetto ai livelli attuali, all'incirca al 20%, secondo alcune fonti vicine alla vicenda.

L'operazione, che dovrebbe prevedere un premio per gli azionisti di risparmio che decidessero di convertire, è un altro passo da parte dell'AD Marco Patuano per ridurre il debito e creare valore per i soci, proprio ora che il suo operato è sotto la lente del nuovo azionista Vivendi.

Il gruppo potrebbe avere un incasso di circa 560 milioni di euro ai prezzi attuali di mercato, con uno spread attorno a 15%.

Le azioni sono onerose, perchè comportano il pagamento di un dividendo speciale ogni anno. Nel 2015 è di circa 160 milioni, in assenza di cedola per le ordinarie.

Le azioni di risparmio sono 6,026 miliardi, il 30% circa del totale di 19,5 miliardi.

Nel corso degli ultimi sei mesi, prima delle dichiarazioni dell'AD Marco Patuano a inizio agosto su una possibile decisione di conversione, avevano uno spread medio superiore al 20%.

Oggi dopo la notizia, lo spread è aumentato di oltre il 7%, passando da 16,1 fino a 17,3 centesimi.   Continua...