Salini Impregilo auspica acquisizione in Usa in tempi ridotti - AD

mercoledì 16 settembre 2015 13:32
 

MILANO, 16 settembre (Reuters) - L'AD di Salini Impregilo ha detto di sperare di realizzare un'acquisizione negli Stati Uniti in tempi brevi, confermando che la taglia dell'operazione potrebbe essere nell'ordine dei 300 milioni di dollari.

"Spero che potremo avere dei tempi molto ridotti perché l'interesse dell'azienda è quello di perseguire i piani, bruciando le tappe, e chiaramente questa è una cosa che riteniamo molto utile. Ci piacerebbe farla il prima possibile", ha risposto Pietro Salini a chi gli chiedeva un commento sulle recenti indiscrezioni stampa su un'acquisizione, data ormai per fatta, negli Usa.

In passato l'imprenditore aveva in diverse occasioni dichiarato di guardare agli Stati Uniti per una possibile espansione.

"Stiamo perseguendo quest'iniziativa, bisogna trovare il soggetto giusto, riuscire a farla, non è cosa semplicissima", ha aggiunto a margine della presentazione della Fondazione E4Impact.

A chi gli chiedeva se il target di 300 milioni fosse verosimile, così come suggerito dalla stampa, Salini ha risposto che "è il target che ci proponiamo, è una size di investimento che riteniamo compatibile con le nostre scelte".

Nei mesi scorsi il management del gruppo aveva parlato di un investimento di 200-300 milioni di dollari.

Una fonte vicina alla società sottolinea che ci sono molti dossier aperti sul tavolo del gruppo e che "nella linea del piano industriale Salini Impregilo sta valutando tutte le opportunità, non solo negli Stati Uniti", sottolineando che anche la dimensione dell'operazione è variabile.

L'imprenditore è inoltre tornato sul Ponte sullo Stretto, la cui costruzione è stata recentemente rilanciata dal ministro dell'Interno Angelino Alfano.

"Noi siamo sempre pronti, facciamo questo di mestiere, ci piacerebbe farlo, è una bella cosa, lo dico sempre che il Ponte è una risorsa per il Sud, è importante per il Paese", ha detto Salini.   Continua...