Italia, Pil non crescerà oltre 0,7% quest'anno - Ocse

mercoledì 16 settembre 2015 11:00
 

* Su economia globale pesano incertezza Cina ed emergenti

* Zona euro non ha sfruttato a pieno fattori esterni favorevoli

MILANO, 16 settembre (Reuters) - La crescita del Pil italiano non andrà oltre lo 0,7% quest'anno e l'1,3% l'anno prossimo, in un contesto in cui l'economia mondiale mostra segnali di lieve rallentamento, complice l'incertezza legata alla Cina e alle economie emergenti.

E' quanto afferma l'Ocse nel documento di aggiornamento 'Interim economic Outlook'.

L'organizzazione parigina ha migliorato la prospettiva di crescita italiana per quest'anno, portandola 0,7% da 0,6% della stima di giugno, mostrandosi però più cauta del governo, che si appresta a rivedere al rialzo l'attesa per quest'anno a 0,7% a 0,9%, tornando alla crescita dopo un triennio di recessione.

Maggiore prudenza e una sfumatura di pessimismo si ravvisa anche per il 2016. Il premier Matteo Renzi ha annunciato che anche la proiezione di crescita per il prossimo anno, attualmente 1,4%, sarà rivista leggermente al rialzo, mentre per l'Ocse non si andrà oltre 1,3%, contro 1,5% della previsione di giugno.

"Le prospettive di crescita globale si sono indebolite leggermente dalla pubblicazione dell'Economic Outlook di giugno", si legge nel documento. La stima del Pil globale è stata ridotta a 3% da 3,1% indicato tre mesi fa.

"La marginale riduzione del tasso di crescita mondiale per il 2015 riflette in gran parte il deterioramento delle prospettive a breve termine delle economie emergenti", prosegue il rapporto.

La zona euro quest'anno crescerà dell'1,6% contro 1,5% dell'ultima previsione e nel 2016 dell'1,9%, due decimi in meno rispetto alla stima di giugno.   Continua...