BORSA MILANO fiacca, bene Fiat e Telecom, utility pesanti con Europa

martedì 15 settembre 2015 12:37
 

MILANO, 15 settembre (Reuters) - Piazza Affari chiude la mattina intorno alla parità, ingessata come le altre borse europee dall'attesa per la decisione della Fed sui tassi giovedì sera.

Si aggiunge il dato inferiore alle attese sulla fiducia nell'economia tedesca (Zew), in forte peggioramento a settembre, "segno delle preoccupazioni per le prospettive di Cina e Paesi emergenti", dice un trader.

Intorno alle 12,10 il FTSEMib scende dello 0,1%, come l'Allshare. Volumi modesti, intorno ai 910 milioni di euro. Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 cede lo 0,4%, i derivati sugli indici Usa sono negativi.

Tonica FIAT CHRYSLER dopo i dati in forte crescita delle immatricolazioni estive in Europa, con il gruppo che ha fatto meglio del mercato e che potrebbe chiudere l'anno in utile nell'area Emea. Il titolo sale dell'1,5% a fronte del +0,6% del settore europeo (+1%).

Segno opposto per CNH (-1,5%).

Acquisti su TELECOM ITALIA (+1,5%) dopo il netto calo di ieri, mentre perde il 2% la controllata INWIT. Indiscrezioni stampa ipotizzano una discesa del gruppo tlc dal 60% a poco più del 30% della società delle torri attraverso la creazione di una holding intermedia aperta a nuovi soci. "Le indiscrezioni potrebbero pesare sull'andamento del titolo Inwit. Ai prezzi correnti, la riduzione della partecipazione in linea con le ipotesi stampa consentirebbe a Telecom Italia di realizzare una plusvalenza di circa 330 milioni, con un incasso di circa 620 milioni", osserva Icbpi.

Le vendite si concentrano invece su energia e utility. Queste ultime, in particolare, soffrono della debolezza del comparto europeo, a sua volta zavorrato dalle big tedesche E.ON e RWE. I due titoli sono scesi sui minimi da oltre 20 anni sull'onda di indiscrezioni stampa - smentite poi dal ministero dell'Economia - in merito agli ingenti accantonamenti necessari alla chiusura dei siti nucleari in Germania. ENEL cede l'1,5%, ENEL GREEN POWER l'1,7%, nettamente sopra i minimi di giornata.

In ordine sparso le banche, con INTESA SP positiva e BANCO POPOLARE in calo di oltre l'1%.

Si ridimensiona il rialzo di ZUCCHI (+3%); indiscrezioni stampa parlano di diverse offerte giunte per Mascioni.   Continua...